venerdì

Poche calorie, più salute per il cervello



UNA DIETA IPOCALORICA non solo può migliorare la memoria, ma potrebbe anche aiutare a prevenire o ritardare l’insorgenza della malattia di Alzheimer e di altre forme di demenza senile. Lo sostiene uno studio della Università di Munster pubblicato su Pnas i cui autori hanno osservato un campione di cinquanta volontari sani, in media sessantenni, dividendoli in tre gruppi: il primo è stato affi dato a un dietista affinché riducesse di un terzo le calorie ingerite quotidianamente, per il secondo gruppo non è stata prevista alcuna restrizione alimentare, al terzo sono aumentate le quantità acidi grassi insaturi, tra cui olio d’oliva e pesce. A distanza di tre mesi, nel terzo gruppo non c’erano miglioramenti sul piano della memoria.


Al contrario, nel gruppo a dieta ipocalorica ci sono stati miglioramenti del 10-20 per cento nei test di memoria. Se già in passato studi realizzati su modelli animali avevano dimostrato che una dieta con il 30 per cento di calorie in meno migliora la capacità di ricordare, la ricerca tedesca ha senz’altro il merito di dimostrare che, nell’uomo il controllo delle calorie può migliorare il funzionamento della memoria, anche sugli anziani. Consigli pratici: prima di tutto occorre seguire il ritmo dei pasti, curando di fare una colazione degna di questo nome che preveda yogurt o latte, fette biscottate o pane con un pizzico di marmellata e un frutto.

I vegetali, frutta e verdura, non possono poi mancare sia perché danno ripienezza sia perché contengono poche calorie e sono ricchi di vitamine e fi bre. Ricordate: possono andare benissimo come “snack”. Per il resto, le regole sono sempre le stesse. Mangiare un po’ di tutto, limitare i grassi prediligendo l’olio extravergine d’oliva in dosi controllate e dimenticare per un po’ i dolci, che vanno comunque sempre evitati nei fuori pasto. Oltre ovviamente a fare una regolare attività fisica, visto che consente di consumare le calorie di deposito favorendo il ritorno al peso forma. Non solo per il fi sico, ma anche per avere una buona memoria nel tempo…
fonte:ilsecoloxix.ilsole24ore.com