domenica

Medicina, effettuato negli Usa il primo trapianto di cervello


Eccezionale intervento al Resurrection Hospital di Sacramento

Los Angeles (dal nostro corrispondente) - Finalmente l’uomo ha superato anche l’ultima barriera della medicina: il trapianto di cervello. L’eccezionale intervento, fino ad oggi soltanto immaginabile, è stato eseguito per la prima volta al mondo dal professor John Brain, responsabile del programma trapianti del Resurrection Hospital di Sacramento. Il paziente è una giovane donna di colore, della quale, al momento, non sono state rese note le generalità, a causa delle ferree regole sulla privacy vigenti negli Stati Uniti. Anonimo anche il donatore, del quale si conosce soltanto il sesso femminile.

Lo staff chirurgico-trapiantologico dell’ospedale californiano, centro d’eccellenza per i trapianti multipli di cuore, fegato e rene, ha lavorato a pieno ritmo per 15 ore, alternando in sala operatoria due equipe mediche (oltre a quella del professor Brain, anche il gruppo guidato dal professor Heart Book), con una tecnica innovativa, che si basa sulla capacità delle cellule cerebrali di rigenerarsi. Ora, si tratta di aspettare, e vedere se la paziente supererà le prime 72 ore, giudicate le più rischiose per le possibilità di rigetto.

La paziente - che può puntare ad avere una vita "pressoché normale" - verrà sostenuta da una terapia farmacologica antirigetto, e da uno staff di psicologi che avranno il compito di assisterla nella presa di coscienza della “nuova realtà”, come l’ha definita il dottor Who, responsabile del centro psichiatrico del Boston Healthcare Institute, a capo del team di psicoterapeuti. L’intervento di ieri (nella foto un momento dell’operazione, terminata alle 23 ora locale, le otto del mattino in Italia) pone la chirurgia americana ai vertici in campo internazionale, e dischiude le porte per ulteriori scoperte e applicazioni in campo medico e chirurgico.

L’eco mediatica dell’operazione ha fatto subito il giro del mondo, suscitando reazioni entusiastiche da parte dei politici e della comunità scientifica, che ha già proposto il professore Brain per il premio Nobel per la medicina. Dure critiche dalla Santa Sede. Benedetto XVI ha bollato l’intervento come un “tentativo dell’uomo di imitare Dio”, mettendo in guarda sui pericoli che possono derivare delle “manipolazioni della sede dell’anima”. Alle parole del Pontefice ha fatto eco un comunicato dell’associazione mondiale dei Medici cattolici, che annunciano una moratoria internazionale sui trapianti di cervello, chiedendo che l’Onu sia investita della questione.

Sicuramente, con lo straordinario intervento di ieri notte, inizia una nuova era per la medicina, come lo fu quella inaugurata dal primo trapianto di cuore effettuato dal sudafricano Christian Barnard 40 anni fa. La nuova tecnica trascinerà inevitabilmente con se polemiche sull’opportunità “etica” di trapiantare un organo così particolare, considerato dai credenti sede dell’anima. Per alcuni si tratterà solo di discutere se creare dei “Frankenstein”, ma - come ha affermato orgoglioso il governatore dello Stato della California, Arnold Schwarzenegger - il progresso della scienza è inarrestabile.

John Kamut
fonte:http://www.voceditalia.it/

16 commenti:

  1. ....come mai i telegiornali non parlano di quest'evento? se fosse vero ne sarebbe piena la tv, radio, giornali, siti di medicina...
    io sono anni che spero in questo tipo di intervento dato che ho avuto un danno anossico celebrale pre-parto che ha causato una lieve emiplegia a dx, sordità a sinistra, paresi facciale a dx e tante altre complicazioni che hanno comunque segnato il mio corpo quindi l'idea di un corpo normale.... è l'unica cosa che potrebbe rendermi felice... email: bapepp118@hotmail.it

    RispondiElimina
  2. ma secondo voi il prof. Brain e il prof. Heart Book potevano fare un intervento diverso? Mi meraviglio di voi che ci siate caduti dentro con tutte le scarpe. Un po' di senso critico non farebbe male, se no davvero ci vorrebbe un trapianto, ma non il 1° aprile, però!

    RispondiElimina
  3. dottor Who?.... ahahah, me lo ricordo si (primi anni 70), ero piccolo, gran telefilm!!!

    RispondiElimina
  4. Spero che le staminali (non embrionali sopratutto) rendano inutile il trapianto del cervello. La ricerca in questo settore dovrebbe essere rinforzata e cercare di rendere effettive le sue applicazioni
    troppo spesso rallentate nella loro evoluzione

    RispondiElimina
  5. pecato che non sia vero sarebe rivoluzionario

    RispondiElimina
  6. vorrei sapere dove ci si iscrive per la lista di attesa, perchè avrei un sacco di persone da iscrivere...

    RispondiElimina
  7. C'e` una lista infinita di persone il Dr. BRAIN potrebbe curare!

    RispondiElimina
  8. Ma rivoluzionario cosa? Se il mio cervello finisse nel corpo di X, l'essere umano in questione non sarebbe più X, ma sarei io: la mia coscienza, la mia memoria, le mie abilità nel corpo di un'altra persona. Il trapianto di cervello non ha senso: non salvi il morituro bisognoso di cervello, ma colui a cui espianti il cervello.

    RispondiElimina
  9. faciliterebbe il cambio di sesso!!!

    RispondiElimina
  10. Insomma non e' vero?

    RispondiElimina
  11. L'ospedale Resurrection di Sacramento è geniale. Il trapianto di cervello sarebbe l'unico trapianto in cui a sopravvivere sarebbe esclusivamente il donatore, il quale si ritroverebbe, con il suo vissuto, nel corpo di un'altra persona. Tra parentesi l'etica medica vieta il trapianto di cervello e gonadi, proprio per evitare che si creino mostruosità assurde quali ad esempio ( nel caso di trapianto di gonadi) la nascita di discendenti da un ascendente morto da tempo......Poi non so se, in qualche sala operatoria remota nascosta agli occhi di tutti, folli equipe mediche si adoperano in fantasiosi esperimenti.

    RispondiElimina
  12. è proprio vero il mondo è pieno di allocchi... ecco perchè i truffatori campano bene.

    RispondiElimina
  13. forse si potrebbe trapiantare la sola testa con le sole funzioni facciali ed oculari ma nulla di piu..

    RispondiElimina
  14. ma è una cosa aberrante questa !! il trapianto di cervello ad una persona significa che quella persona non è più LEI, ma bensì un'altra poichè nel cervello dove abbiamo i nostri ricordi ce ne sono altri ! cioè una persona nel corpo di un'altra ! dovrebbe essere illegale una cosa così ! è come se il mio cervello venisse impiantato nel corpo di chi ha scritto questo sito, cioè sarei sempre io ma con aspetto e corpo totalmente diverso !! trapiantare il cervello significa uccidere e dico UCCIDERE quella persona a cui apparteneva il corpo mettendoci dentro un'altra persona ! CHE VERGOGNA !

    RispondiElimina
  15. Vorrei sapere se la memoria del donatore rimane oppure se quello che ha ricevuto il nuovo cervello deve inxiare da zero come se fosse un neonato

    RispondiElimina
  16. anche se in un futuro riuscissero a trapiantare il cervello e l esperimento andasse a buon fine la memoria del donatore non so se rimarrebbe intatta sarebbe comunque traumatico avere i ricordi di qualcun altro!di sicuro non cambia come sei tu se cioè sei cattivo o buono il cervello è un muscolo come il resto del corpo niente di più la cattiveria non si può trapiantare l esperienza condiziona il nostro modo di essere e basta ma siamo noi che decidiamo alla fine

    RispondiElimina