lunedì

Due vitamine per il fegato

La somministrazione di vitamina E e di vitamina C potrebbe costituire una valida terapia nel trattamento della fibrosi del fegato. Gli esiti di uno studio pubblicato sulle pagine dell’«American Journal of Gastroenterology».

Il trattamento con vitamina E e vitamina C migliora la fibrosi del fegato nei pazienti affetti da steatoepatite non alcolica. Questa patologia, caratterizzata da accumulo di grasso nel fegato con infiammazione e fibrosi (deposizione di collagene,
solitamente sotto forma di cicatrice, che si forma nello stadio di guarigione dell’infiammazione), non è determinata da abuso di alcol bensì da altri fattori predisponenti quali obesità e diabete, dislipidemie, assunzione di alcuni farmaci (steroidi, metrotexate, amiodarone, estrogeni sintetici, tamoxifene).

A oggi nessuna terapia è risultata efficace ma secondo uno studio pubblicato sull’«American Journal of Gastroenterology» l’associazione di questi due nutrienti ha determinato forti miglioramenti (valutati mediante biopsia) in pazienti che soffrivano di fibrosi. A tutti i soggetti coinvolti nello studio sono state somministrate in modo casuale dosi di vitamina E e C (rispettivamente 1000 UI e 1000 mg al giorno) o placebo, per 6 mesi. Inoltre, tutti i partecipanti sono stati invitati a perdere peso e a seguire una dieta a basso contenuto di grassi (meno di 30 g di grasso al giorno), ma i miglioramenti sono stati registrati solo da coloro che avevano seguito la vitaminoterapia. Gli studiosi, che auspicano la realizzazione di trial clinici più ampi in merito, hanno sottolineato come l’azione antiossidante di queste sostanze nel trattamento della fibrosi del fegato sia in grado di ridurne i livelli in modo significativo, alleviando lo stato di sofferenza del fegato senza alcun tipo di effetto collaterale.

S.A. Harrison, Vitamin E and Vitamin C Treatment Improves Fibrosis in Patients with Nonalcoholic Steatohepatitis
fonte:http://www.tuttovitamine.it/salute/focus/due-vitamine-per-il-fegato.html