martedì

Nuova cura per il ginocchio, il Rizzoli cerca volontari

L'ospedale farà partire una sperimentazione
con un preparato ricavato dalle cellule del paziente

Un laboratorio del Rizzoli

L’Istituto ortopedico Rizzoli cerca nuovi pazienti per verificare l'efficacia della medicina rigenerativa nella cura dei tessuti danneggiati del ginocchio.

TEST - Alla sperimentazione, frutto dello studio condotto dalla terza Clinica ortopedica e dal laboratorio di Biomeccanica del Rizzoli diretti da Maurilio Marcacci, potranno prendere parte solo pazienti di età compresa tra i 18 e gli 80 anni malati di artrosi precoce e di condropatia (lesione della cartilagine). Non potrà essere sottoposto a test chi soffre di diabete, artrite reumatoide, malattie cardiovascolari, patologie cardiache, dismetaboliche, neoplastiche e infiammatorie.

TRATTAMENTO - Ai pazienti verrà effettuato prima un prelievo sanguigno.Successivamente saranno fissati tre appuntamenti per altrettante infiltrazioni nel ginocchio, una alla settimana. I controlli saranno effettuati dopo due mesi, sei mesi e un anno. La sperimentazione, approvata dal comitato etico del Rizzoli, prevederà per metà volontari l’utilizzo del Prp, un preparato ricavato dalle cellule del paziente. Per l’altra metà si ricorrerà all’acido ialuronico, già ampiamente utilizzato nella chirurgia estetica. Ai fini della determinazione del maggior rigore scientifico dell’uno o dell’altro trattamento, ai pazienti non verrà comunicato a quale gruppo apparteranno (per prenotazioni il numero di riferimento è: 051-6366501 051-6366501, il martedì e il giovedì dalle 14 alle 16).

Antonio Leggieri 10 maggio 2010

fonte:http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2010/10-maggio-2010/nuova-cura-il-ginocchio-rizzoli-cerca-volontari-1602993848884.shtml