lunedì

Nuovi farmaci contro la super-Tbc


RICERCA PUBBLICATA SU SCIENCE, 530 MILA CASI OGNI ANNO NEL MONDO
Nuovi farmaci contro la super-Tbc, resistente ai medicinali attualmente disponibili. La scoperta, pubblicata su Science, è frutto di un lavoro internazionale,a cui ha partecipato un gruppo di ricercatori dell'Università di Pavia, guidati da Giovanna Riccardi. Gli italiani hanno identificato il bersaglio cellulare di una nuova classe di farmaci anti-tubercolosi: i benzotiazinoni.
La Tbc, malattia infettiva provocata dal batterio patogeno Mycobacterium tuberculosis, uccide ogni anno 3 milioni di persone in tutto il mondo. Non solo. L'insorgenza di ceppi multiresistenti ai farmaci antitubercolari di prima e seconda generazione, costituisce una minaccia per il controllo della patologia. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, ogni anno ci verificano sono 530 mila casi circa di super-Tbc. La ricerca, a cui ha partecipato il gruppo di Microbiologia molecolare dell'Università di Pavia, si inserisce in un progetto finanziato dalla Commissione europea (New Medicines for Tuberculosis). Grazie al cospicuo finanziamento ottenuto dalla nostra Università è stato possibile realizzare questa importante scoperta.
Il bersaglio dei benzotiazinoni identificato a Pavia è l'enzima Rv3790, essenziale per la vita del batterio in questione e coinvolto nella sintesi dell'arabinogalattano, un componente principale della parete cellulare micobatterica, fondamentale per questo gruppo di patogeni in quanto è molto più spessa rispetto a quella degli altri microrganismi e determinante per la resistenza agli antibiotici.

fonte http://www.numedionline.it/apps/essay.php?id=9388