domenica

Collo troppo grasso correlato a rischio infarto più alto


Misura ideale: 40.5 cm per maschi, 34.2 per donne


Roma, 13 mar. (Apcom) - La misura del collo diventa un nuovo fattore di rischio cardiovascolare. O meglio la misura di quella gibbosità , o gobbetta adiposa, che si trova alla base posteriore del collo informa del grado di livello di rischio cardiaco di una persona. Un indice che ha lo stesso valore del giro vita, che per un uomo non deve superare i 102 centimetri. E' quanto hanno comunicato ricercatori americani dell'MRC Clinical Sciences Centre al convegno organizzato dall'American Heart Association. Lo studio che ha coinvolto 3.300 individui tra donne e uomini con un' età intorno ai 50 anni, dice che il rischio esiste a vari livelli anche se il giro vita è nella norma e che può essere più basso se il cosiddetto colesterolo buono (HDL) è alto e basso, se i livelli di glucosio nel sangue sono alti.

Jimmy Bell, uno dei ricercatori, ha detto che nell'ambito di questa ricerca sta scoprendo molte cose, come ad esempio, che la salute dipende non tanto da quanto si è grassi, quanto, piuttosto, dove il grasso è localizzato. "Anche una persona molto magra, può nascondere accumuli di grasso insidiosi all'interno del suo corpo, come intorno al fegato o al cuore". Per quanto riguarda il collo la circonferenza ideale per gli uomini dovrebbe essere di 40.5 centimetri per l'uomo e 34.2 centimentri per le donne . Se queste misure crescono, cresce anche il rischio. Per ogni 3.3 cm. in più sul collo, gli uomini hanno 2.2 milligrammi in meno di colesterolo buono per decilitro di sangue (mg/dl) e le donne 2.7 mg/dl. Il colesterolo HDL (High Density Lipoprotein) tiene pulite le cellule delle arterie dal grasso, che viene rimandato indietro nel fegato, dove viene metabolizzato ed eliminato.

Se un uomo ha meno di 40mg/dl e una donna meno di 50 mg/dl il rischio di infarto si fa più alto, dicono i ricercatori. Inoltre, hanno ribadito, la misura del collo non fa differenza per i livelli di colesterolo cattivo LDL (Low density lipoprotein) che può causare danni, ma non influisce sui livelli di glucosio. Per i maschi per ogni 3 cm in più si è visto, analizzando il campione, che ci sono in più 3.0 mg/dl di LDL e per le donne 2.1 mg/dl. Per le persone che avevano sia un giro vita fuori misura , sia un collo più grosso i due fattori di rischio sono stati combinati insieme. Secondo Bell per eliminare il grasso localizzato sia esso intorno al fegato o al cuore o in altre parti del corpo le diete non valgono, ma ci vuole esercizio fisico.


fonte: http://notizie.virgilio.it/notizie/scienze_e_tecnologie/2009/03_marzo/13/salute_collo_troppo_grasso_correlato_a_rischio_infarto_piu_alto,18352790.html