lunedì

PRESENTAZIONE E.F.T

Guarigione Naturale con EFT

Come eliminare l’ansia, la dipendenza, il dolore e i blocchi energetici con l’EFT



La tua salute fisica, emotiva, psichica e spirituale (le 4 stanze del benessere) deve essere in un costante equilibrio dinamico; cosa difficile ed impegnativa da mantenere nello stress quotidiano. Grazie al tuo interesse stai per mettere le mani su un potente strumento energetico per arieggiare e rigenerare ogni giorno le tue 4 stanze interiori con il veloce e semplice picchiettamento EFT! Ecco il libro "Energia Emotiva Libera"


Aljaž Vavpetič
Rivoluzionarie tecniche di auto-guarigione con
l’Emotional Freedom Techniques
(EFT - Tecniche della Libertà Emotiva)
© NatAliash
www.guarigionenaturale.com
“La causa di tutte le emozioni negative è uno
squilibrio nel sistema energetico del corpo”
- Gary Craig, fondatore dell’EFT -
www.guarigionenaturale.com 2 © NatAliash
L’EFT può essere applicato a qualsiasi caso,
inclusi:
La Depressione Traumi
L’Ansia Dipendenze
La Rabbia Convinzioni Limitanti
Il Dolore I Blocchi Emotivi
La Paura e le Fobie I Problemi Relazionali
La Pressione Alta Le Allergie
I Problemi Respiratori I Problemi Infantili
Le Prestazioni Sportive, Scolastiche e Sessuali
…e numerosi altri problemi.
“L’EFT offre grandi benefici di guarigione.”
- Deepak Chopra, medico
“L’EFT è un semplice e potente processo che può profondamente
influenzare i processi genetici, la salute e il comportamento.”
- Bruce Lipton, biologo e autore del libro
“La Biologia delle Credenze”
L’essenza dell’EFT viene forse meglio raccolta nel pensiero del medico
americano Eric Robins:
“Un giorno la professione medica si sveglierà e realizzerà che le
emozioni irrisolte sono la causa principale del 85% delle malattie.
Quando lo capiranno, l’EFT sarà uno dei loro strumenti primari di
guarigione….così come lo è per me.”
www.guarigionenaturale.com 3 © NatAliash
INDICE
Introduzione pag. 6
Comprensione del Sistema EFT pag. 9
Energia e Sentimenti pag.13
Energia in Azione pag.17
Come Applicare EFT pag.21
Contattare il Problema pag.28
Il 9 Gamut pag.31
Verificare il Cambiamento pag.32
Successive Sequenze e Passaggi pag.33
La Formula Completa pag.35
Gli Aspetti pag.37
Le Tossine Energetiche pag.39
Le Scorciatoie pag.41
Applicazioni e Tecniche Avanzate pag.43
La Procedura della Pace Personale pag.50
Fatelo con i Vostri Figli pag.52
Precauzioni, Limiti e Difficoltà pag.53
www.guarigionenaturale.com 4 © NatAliash
Esperienze pag.56
Ignoranza Oggi Equivale ad Esclusione pag.63
Conclusioni pag.67
www.guarigionenaturale.com 5 © NatAliash
“C’è una grande differenza fra quelli che dicono e quelli che fanno:
quelli che dicono, hanno tantissimi sogni, quelli che fanno, li
realizzano.”
Introduzione
Benvenuti in questo angolo di mondo, dove per una strana
coincidenza, noi tutti siamo stati chiamati a godere, se lo vogliamo,
di un grandissimo privilegio, ovvero la conoscenza e la possibile
gestione di tutta l’Energia che ci circonda: quella stessa Energia che
non solo permea l’immensità dell’Universo e ci permette di vivere,
ma che può proprio ora, ridisegnare il nostro destino, facendoci
sentire sovrani di quello stesso regno che un tempo credevamo
appartenere solo agli dei.
Cosa stia accadendo adesso, proprio qui e ora, non sta a noi dirlo,
certo è che ci pare trattarsi di qualcosa di inequivocabile e
decisamente sorprendente. Sembra che tutto ciò che ci circonda stia
avendo una connotazione che sa di “tanto affascinante e di
urgente”. Tanto lavoro, tante informazioni, tanti cambiamenti, tanto
poco tempo per fare quello che solo pochi anni or sono, riuscivamo
a fare, ma anche tante nuove scoperte, tante rinnovate speranze…
tante sorprendenti opportunità…
La nostra vita pare trovarsi al centro di un continuo turbinio di
eventi dove accanto alla sensazione della brevità del tempo c’è
l’indiscutibile presa di consapevolezza che moltissimi degli enigmi
della Scienza e della Tecnica stanno oggi arrivando alla portata di
tutti. La gente può contare sempre più concretamente su moltissimi
eccellenti autori che spiegano come veramente stia funzionando il
nostro Universo, cosa e come possiamo conoscere e soprattutto
come possiamo interagire per il nostro benessere di uomini e di
anime vaganti fra le pagine bianche di quel famoso libretto di
istruzioni per la vita, mai abbastanza chiaramente compreso.
www.guarigionenaturale.com 6 © NatAliash
Oggi, grazie a un numero rilevante di coincidenze, ci troviamo
contemporaneamente di fronte all’impressionante potere delle
cellule staminali, alla stravagante fantascienza della fisica
quantistica, all’inimmaginabile rigenerazione interstellare, all’
ineccepibile esplorazione teleguidata degli Universi intra ed
extramolecolari, alle sorprendenti e incredibili tecniche di guarigione
come l’EFT legate a meridiani ed emozioni, alle sbalorditive scoperte
(o riscoperte) di metodi antichi di meditazione e respiro, e via
dicendo di questo passo in ogni campo della Scienza e della
Conoscenza.
Scoperte ed Istruzioni sempre più numerose sembrano in questi
tempi diffondersi come benedizioni alla portata di tutti, e coloro che
non si sono mai rassegnati a restare fuori dalla portata della
comprensione della loro vita, sono ora nella possibilità di entrare, di
conoscere, di sperimentare, di condividere, e di porsi al servizio di
altri…se lo desiderano. Perché tutto sta divenendo possibile. E
parecchio di ciò che fino a ieri veniva considerato blasfemo, oggi è
schiacciato dall’inequivocabile meraviglia dei risultati.
Tanto per fare qualche esempio: Carl Simonton, medico
specializzato in radioterapia, oncologo di fama internazionale, è
considerato uno dei pionieri della psiconeuroimmunologia, fondatore
del Simonton Cancer Center Italia, cura i malati di cancro tramite la
consapevolezza dell’energia del pensiero, dell’atteggiamento
mentale e dello stile di vita, dove l’uso di tecniche di rilassamento e
di visualizzazione combinate alla terapia tradizionale raddoppiano
l’aspettativa media di sopravvivenza dei malati.
Oppure andiamo in America, dove mediante tecniche
precedentemente scoperte per puro caso, l’ingegnere Gary Craig ha
potuto sanare nel giro di venti minuti l’Energia di migliaia e migliaia
di fobie, malattie, paure e conflitti che perduravano da vent’anni o
da tutta una vita. Senza essere un medico, senza essere uno
psicologo, senza aver studiato biologia molecolare, quest’uomo ha
cambiato la vita di un numero impressionante di persone, usando
solo l’assestamento energetico, permettendo ad ognuno di essi di
usare da solo e per sempre le poche semplici tecniche apprese.
www.guarigionenaturale.com 7 © NatAliash
Con simili esempi potremmo riempire pagine e pagine di riflessione.
Ma ognuno che lo desidera può farlo da sé;
basta un po’ di internet e di curiosità.
Potrebbe ancora essere molto interessante fare un giro in una
qualsiasi biblioteca scientifica dando una scorsa alle ultime
documentatissime pubblicazioni e scoperte. C’è da perdersi
nell’infinito, ma ne vale veramente la pena.
E se non abbiamo tempo di andare in biblioteca possiamo sempre
comprare in una qualsiasi edicola un paio di riviste come Focus,
Quark, Newton ecc., e di nuovo ci ritroveremo di fronte alla
meraviglia dell’abbondanza e del fascino che avvolge l’Energia di
questo mondo.
Ma, se vicino a tutto questo ben di Dio, abbiamo l’impressione che ci
manchi un po’ una guida, un indicatore, una bussola o più
modernamente un navigatore satellitare, ebbene, forse posso darvi
una mano a trovare prima e sperimentare poi, ciò che di più
semplice e utile ho avuto modo di trovare dopo anni e anni di
ricerche e di studio.
Possa la mia esperienza, preparazione e volontà esservi di aiuto in
ogni aspetto della vostra vita.
Possa questo testo fornirvi tutto ciò che vi occorre per iniziare a
gestire l’Energia che necessita al vostro corpo, alla vostra mente, al
vostro spirito, ai vostri sogni, ai vostri progetti e al vostro cuore.
Possano questi insegnamenti mantenere o recuperare la vitalità e la
gioia ovunque attorno a voi.
Possiate tutti essere liberi. Adesso.
www.guarigionenaturale.com 8 © NatAliash
Comprensione del Sistema EFT
Cominciamo subito a fare la conoscenza del sistema che se lo
vogliamo, sarà in grado di toglierci di dosso tutto quello che c’è di
troppo e di ostacolo per far scorrere bene dentro di noi, e nella
nostra vita, l’energia, la salute e la gioia di vivere.
Desidero richiamare la vostra attenzione su quel “se lo vogliamo”,
perché questa è l’unica condizione affinché il sistema funzioni. Non è
necessario crederci, non è necessario massacrarsi l’animo con scavi
archeologici di traumi e ricordi dolorosi, non è necessario studiare
medicina cinese, ma occorre invece prendersi la responsabilità
decisionale dell’azione che vogliamo compiere per noi stessi. Il
primo passo inizia dal di dentro e nessuno può farlo al posto nostro.
Tutto il resto lo farà il sistema.
Per comprenderci meglio, partiamo dal presupposto che il nostro
corpo, è attraversato costantemente da un circuito elettrico debole,
dove lo scorrere dell’energia è ampiamente rilevabile tramite un
banale elettrocardiogramma, che misura la conduzione elettrica del
cuore o anche un elettroencefalogramma che segnala, sempre
mediante la registrazione di impulsi elettrici, in quale stato si trova il
nostro cervello.
Da queste indagini che non sono più una novità per nessuno, è
facile comprendere che, alterazioni dello stato d’animo come ansia,
paura, rabbia, angoscia, tensione ecc., influiscono su tutto il delicato
sistema nervoso di conduzione dell’energia elettrica, determinando
quelle alterazioni che vanno poi a fare la differenza fra alzarsi bene
al mattino o trascinarsi faticosamente per tutto il resto della
giornata.
A questo punto l’alternativa è: imbottirsi di farmaci, di integratori o
quant’altro, o passare la vita a fianco di una psicanalisi dai tempi
spesso molto lunghi, o se si è stanchi e demotivati, ci si può
rassegnare a non volerne più sapere di niente. Nessuno di questi
casi, purtroppo migliora la vita.
www.guarigionenaturale.com 9 © NatAliash
Anzi, la situazione non fa che peggiorare; spesso per
compensazione lo stomaco si riempie, le tasche si svuotano, le ore
della notte si allungano e le forze si accorciano. Il respiro diventa
superficiale, il riposo è poco profondo e l’umore rasenta i bassifondi
della depressione.
Fino a qui niente di nuovo: lo spettacolo è un deja vu. Ma quello che
non è un deja vu è il sistema di cui vi parlerò tra breve: il cosiddetto
EFT o Emotional Freedom Techniques, ovvero un metodo che offre
l’opportunità di eliminare, spesso in pochissimi minuti, un problema
che magari persiste da anni.
Lasciate che vi racconti come è stato scoperto e come noi e voi (con
un colpo di fortuna incredibile) ne siamo venuti a conoscenza.
Nel 1980, il dottor Roger Callahan, uno psichiatra della California
aveva in cura, tra gli altri, una paziente affetta da un’intensa fobia
dell’acqua che le procurava frequenti mali di testa, fortissimi dolori
allo stomaco e terrificanti incubi notturni ogni qualvolta la
sintomatologia si accentuava. Le sue condizioni erano così gravi che
la povera donna non poteva usare l’acqua e neanche entrare nella
vasca da bagno senza provare queste dolorose sensazioni. La sua
vita era ormai segnata da un continuo peregrinare di specialista in
specialista alla ricerca di un rimedio per quello che era diventato un
vivere impossibile da ogni punto di vista.
Dopo un anno e mezzo di terapia, il dottor Callahan, riuscì a farla
immergere nell’acqua di una piscina fino al ginocchio, ma senza
purtroppo alleviare la fortissima sintomatologia dolorosa.
Proprio in quel periodo, egli stava studiando il sistema energetico
umano, basato sulle teorie dei quanti che già 20 anni prima aveva
avuto notevoli riscontri da parte del chirurgo ortopedico Robert
Becker e Coll. Questo nuovo approccio ad una medicina
quantomeno inusuale, che però derivava dalla più che seriamente
affermata medicina cinese, gli stava dimostrando, che il sistema
energetico degli esseri umani è soprattutto di natura
elettromagnetica ed un suo scompenso può creare vere e proprie
malattie, oltrechè disagi, e disturbi di ogni genere. Per contro,
osservò che il riassesto energetico poteva comportare
automaticamente anche il riassestamento del perduto benessere,
indipendentemente dalle cause che avevano fatto scaturire il
problema.
www.guarigionenaturale.com 10 © NatAliash
Callahan, incuriosito, si apprestava a divenire così uno dei promotori
della medicina dei meridiani quando, un giorno, alla sua cliente si
rimanifestarono i soliti fortissimi dolori allo stomaco. Nel tentativo di
alleviarle la sofferenza, provò a picchiettarle un punto sotto l’occhio,
corrispondente al passaggio del meridiano dello stomaco, in modo
da poter in seguito dare avvio alla consueta sessione di cura, ma
con grande meraviglia di entrambi, dopo questo picchiettamento sia
il dolore sia la fobia dell’acqua sparirono in pochi secondi!
La gioia e la sorpresa furono ancora più grandi quando la donna
potè letteralmente gettarsi nella vicina piscina senza che mai più
comparissero dolori, fobie o incubi. Tutto se ne andò
definitivamente e per sempre dopo quella breve stimolazione.
Da qui in poi, tutto il resto è storia: Callahan divenne il primo
esperto in quella che egli inizialmente chiamò TFT (Thought Field
Therapy) e si prese cura di migliaia e migliaia di persone grazie al
sistema della stimolazione dei meridiani scoperto per caso. In
definitiva egli usava un sistema che assomigliava all’agopuntura,
solo che non aveva bisogno di aghi, ma funzionava perfettamente
grazie ad un leggero picchettamento (con le dita) dei punti dove
poteva trovarsi un blocco energetico. L’unico inconveniente era dato
dal fatto che la tecnica si basava su certi algoritmi, la cui
conoscenza non era affatto alla portata di tutti, ed era alquanto
complicata. Ma i risultati erano sorprendenti ed i clienti non
mancavano.
In breve questa tecnica fu di dominio pubblico, ma fintanto che non
giunse ad un ingegnere statunitense, che si chiamava Gary Craig, fu
pure parecchio costosa. Per accedere ai corsi di Callahan occorreva
sborsare la ragguardevole cifra di 10mila dollari. Gary non solo
frequentò i suoi corsi, ma cercò di trovare anche il modo di
semplificare alcuni passaggi, in modo da renderla maggiormente
accessibile a più persone. Tuttavia c’era ancora un elemento da
prendere in considerazione: Callahan possedeva un apparecchio di
sua invenzione, di eccezionale importanza , il Voice Technology, uno
strumento che riusciva, tramite la voce dell’individuo ad identificare i
punti in corrispondenza dei meridiani, dove l’energia era
congestionata e mediante il quale si poteva poi comporre una
mappa delle principali criticità della persona che vi era sottoposta.
www.guarigionenaturale.com 11 © NatAliash
Gary aveva bisogno di quello strumento per poter proseguire gli
studi nella direzione da lui auspicata cosicché chiese ed ottenne
quell’importante marchingegno. Per 100mila dollari!!!
Si! Avete capito bene. Cento mila dollari, che sommati ai 10 mila
dollari precedentemente spesi per accedere al corso fanno ben
centodiecimila dollari!!! Una cifra allucinante, ma per nostra fortuna
in qualche modo, alla portata del buon Gary che la tirò fuori.
Quindi, dopo aver ulteriormente perfezionato lo studio di questo
metodo, fino alla massima semplificazione possibile, e,
mantenendone inalterata la sua efficacia ha fatto in modo che
potesse giungere fino a noi a beneficio di ogni persona che ne
avesse bisogno, praticamente gratis.
La sua applicazione non conosce limiti, mentre osserviamo che una
nuova porta si è aperta sul fronte di quella medicina che troppe
volte sentivamo incompleta.
Oggi, nonostante siano passati più di dieci anni, Gary Craig è
sempre il numero uno al mondo per i risultati ottenuti nei casi più
disparati. Nel suo sito www.emofree.com c’è di che stupirsi ed esserne
grati, così come per Andrea Fredi,( www.eft-italia.it) grazie al quale
EFT si sta diffondendo rapidamente in Italia.
Nel prossimo capitolo spiegheremo in cosa consiste EFT e come è
poi possibile applicarla da subito.
www.guarigionenaturale.com 12 © NatAliash
Energia e sentimenti
In questo capitolo prenderemo in considerazione quelle emozioni
che a volte possono creare notevoli difficoltà e che risultano difficili
da superare. Facciamo un esempio: se mi trovo davanti ad un leone
nella foresta, sarà molto utile per me, darmi alla fuga nel più breve
tempo possibile; ma se continuo a scappare per tutto il resto della
mia vita, anche quando il leone non esiste più, per ben che mi vada
rischio l’infarto. Questo, che è il principio dello stress, è il
comportamento più frequente di una buona parte dell’umanità. Un
giorno, davanti ad un problema qualsiasi abbiamo iniziato a correre
o a reagire in una data maniera ed è molto probabile che stiamo
ancora lottando contro il tempo o contro una stessa vecchia
diapositiva per dare di noi, quello che crediamo gli altri ci stiano
chiedendo. Se da piccoli qualcuno ci ha ripetutamente sgridato
perché non eravamo bravi a scuola, con ogni probabilità ancora oggi
continuiamo a credere di non essere portati per lo studio. E magari
dentro di noi c’è un sogno spento dall’autoconsiderazione di non
valere niente.
In altre occasioni, iniziamo la giornata già stanchi, e dopo aver
cercato di moltiplicare all’infinito gli impegni per i figli, per i genitori,
per il lavoro, per la palestra, per il condominio, per il supermercato,
per il cane, e per la zia Caterina, ci chiediamo come mai le giornate
sono diventate così corte e faticose. Vi ci ritrovate?
Talvolta rallentare non è veramente possibile, ma spesso queste
azioni sono legate ad un senso di inadeguatezza, che tradotto sta a
significare: devo farlo, perché altrimenti non viene fatto…e se non
viene fatto, mi brontolano….e se mi brontolano…vuol dire che non
vado bene…e se non vado bene…mi mettono da parte….e se mi
mettono da parte…vuol dire che non mi accettano…e se non mi
accettano vuol dire che non conto nulla…e..se non conto nulla…che
senso ha vivere?.....e così scattano i complessi di colpa, le paure di
non essere abbastanza bravi, abbastanza buoni, abbastanza
importanti…e via dicendo. E come conseguenza possiamo ingoiare
www.guarigionenaturale.com 13 © NatAliash
rabbia e pasti frettolosi, cose e persone tossiche, amarezze e
delusioni indigeste. In questi casi è molto probabile che ulcere, mal
di testa, acidità, fumo, alcol, sconforto, depressione, e pasticcini
compensativi possano dare inizio ad una sfilata dentro di noi, cui
faremmo molto volentieri a meno.
Se a tutto ciò aggiungiamo magari qualche idiosincrasia sul posto di
lavoro, o una situazione finanziaria costantemente precaria, si può
passare molto presto dall’emozione negativa ad uno stato
conseguente di malessere molto serio.
Come vedete, dall’emozione che è una cosa per così dire, “astratta”,
si può passare ad una vera e propria malattia concreta; così
concreta da determinare a volte, veri e propri blocchi alle braccia e
alle gambe, alle articolazioni, alla schiena, alla digestione, al respiro,
alla memoria, ecc.
Vi è mai capitato?
Come vedete, quasi tutte le nostre “disgrazie” sono legate a
pensieri, a emozioni, a sentimenti….
Vediamo ora cosa possiamo fare noi per sgomberare tutti questi
insediamenti non graditi dalla nostra vita e cosa può fare la tecnica
EFT per noi.
La prima cosa che ci viene richiesta è quella di abbandonare, anche
solo momentaneamente, tutte le convinzioni che abbiamo avuto fino
ad ora al riguardo. Nessuno verrà a portarci via nulla e tutti gli
eventuali dubbi o certezze, saranno sempre lì ad attenderci alla fine
dell’esperimento, se vorremmo ancora prenderli. In altre parole,
cerchiamo di affrontare la cosa con lo spirito del gioco, con la
leggerezza di una scoperta o la curiosità di un bambino.
EFT è una tecnica totalmente nuova, che spazzola via in un colpo
solo tanto di tutto quello che abbiamo imparato fino ad oggi. Ma per
fortuna non occorre credere che funzioni. Funziona e basta.
Allora di che cosa abbiamo ancora bisogno perché funzioni?
Solo della decisione di volerlo fare .Punto.
www.guarigionenaturale.com 14 © NatAliash
Abbiamo dunque visto le poche cose che dobbiamo o non dobbiamo
fare prima di iniziare l’esperimento. Vediamo ora cosa può fare e
cosa non può fare questa tecnica.
Probabilmente può fare molto per noi. Sicuramente non può fare
tutto.
Per tutto intendiamo dire che non può lavorare da sola, senza la
nostra partecipazione. Non può spostare una virgola se noi vogliamo
tenercela, non può far resuscitare i morti, ma può restituirci una vita
diversa, se vogliamo cambiarla.
Questa meravigliosa tecnica aiuta le persone ad effettuare quei
cambiamenti che desiderano, ma che non hanno l’energia per
compiere.
Tutto quello che può fare, ognuno potrà scoprirlo da sé, perché
sarebbe troppo lungo e forse poco credibile elencarlo
sbrigativamente in queste righe. In ogni caso vi invitiamo a provare
inizialmente sempre su di voi e verificare poi come funziona.
Vediamo ora assieme, come è stata vista dai vari ricercatori.
Dopo molte prove, gli scopritori di questo sistema di riassestamento
energetico, hanno documentato che le emozioni, buone o cattive,
possono determinare, delle interferenze con lo scorrere dell’energia
all’interno di un individuo, e l’eventuale riduzione o mancanza di
questa energia può portare conseguentemente al rallentamento
delle funzioni dell’organo colpito, fino al possibile blocco totale.
Ad esempio, come abbiamo già accennato precedentemente, una
rabbia indigesta può bloccare lo scorrere dell’energia a livello dello
stomaco, fino a determinarne un malfunzionamento variabile, a
seconda dell’entità del problema. Lo sblocco di questi circuiti può
avvenire in vari modi, ad esempio con l’agopuntura, ma funziona
altrettanto bene anche solo picchiettando alcuni meridiani che ne
costituiscono le vie di scorrimento.
Basta essere mentalmente e, se possibile, emotivamente collegati al
problema che si desidera eliminare. Esempio: sono ansioso perché
devo sostenere un esame, sudo come una bestia, vado in panico ed
ho paura di non ricordare più neanche come mi chiamo, mi tremano
le gambe, ho la gola secca…ecc e voglio liberarmi di questi effetti.
Allora dovrò ripetere (possibilmente a voce alta) una frase del tipo:
www.guarigionenaturale.com 15 © NatAliash
“Anche se sono ansioso per l’esame che devo sostenere, mi amo e
mi accetto profondamente e completamente.”
Assieme a questa frase basterà picchiettare i vari punti chiave, (che
vedremo più avanti) sede della posizione di meridiani energetici per
trovare un immediato sollievo ai disturbi che ci affliggevano. Questo,
sommariamente è tutto.
A onor del vero, c’è ancora qualche piccolo passaggio che
spiegheremo dettagliatamente più avanti. Ma ad ogni modo, ogni
operazione di sblocco non dura che due o tre minuti. E nella
maggior parte dei casi può essere totalmente risolutivo, soprattutto
con gli eventi negativi recenti dove si registra un 99% di casi risolti.
Come vedete non occorre altro che il coraggio di provare per
credere. Niente farmaci, niente intrugli, niente sedute di psicanalisi,
niente scavi archeologici nel trapassato remoto, niente file dallo
psicologo, niente di niente. EFT lavora così, sull’energia e sulle
emozioni contemporaneamente, andando a ristabilire una
connessione interrotta non si sa quando. Quello che è strabiliante, è
che si può praticamente usarla su tutto, non occorrono strumenti
più speciali delle dita della propria mano, non crea dipendenza,
perché ognuno la può usare da solo e soprattutto non intossica, né
vuota il portafoglio.
Troppo bello per essere vero?
Non diamo spazio a pensieri distruttivi. Limitiamoci a provarla.
Tra breve osserveremo da vicino tutti i dettagli di questa nuova
scoperta.
www.guarigionenaturale.com 16 © NatAliash
Energia in azione
Il percorso che stiamo proponendo è solo l’inizio di una lunga serie
di opportunità che si possono incontrare mediante l’uso di queste
tecniche di riequilibrio energetico.
Ogni persona sarà in grado di scoprire cosa è meglio per sé e
soprattutto quali sono le priorità da affrontare secondo le sue
necessità.
Lo scopo di questo nostro lavoro, è di creare l’informazione e la
divulgazione più vasta e capillare possibile perché siamo
fermamente convinti che questa potrà essere la nuova medicina del
futuro. E sia ben chiaro che non è nostra benché minima intenzione
voltare le spalle alla cosiddetta Medicina tradizionale, perché molto
si deve al lavoro e al sacrificio di tanti illustri e sconosciuti scienziati,
medici, ed infermieri che si sono sacrificati tutta la vita per il bene di
tutti, ma stiamo anche vedendo nuovi orizzonti, inaspettate risorse,
incredibili scoperte che non possono e non devono venir ignorate. A
questo proposito chiariamo subito che nessuno qui intende
sostituirsi al medico, né fare diagnosi, né tantomeno prescrivere
terapie, e che anzi, il nostro suggerimento è non solo quello di
consultare il medico per qualsiasi problema di malattia, ma molto
più intelligentemente, collaborare con lui, affinché i risultati del suo
lavoro siano più rapidi e duraturi.
Dinanzi ad un’infezione, sarebbe molto sciocco non prendere un
antibiotico prescritto dal medico, ma sarebbe ancora meglio,
lavorare con EFT perché la guarigione avvenga in tempi più rapidi e
non si ripresenti. In un futuro ci piacerebbe lavorare per mantenere
al meglio lo stato di salute, piuttosto che sui danni già conclamati e
spesso irreversibili. E ci piacerebbe anche vedere la guarigione di
un corpo al pari di quella di uno spirito e delle emozioni, piuttosto
che un insieme spezzettato da varie branche specialistiche che si
ignorano a vicenda.
Tornando a noi, volevamo raccontarvi alcuni momenti di
sperimentazione di EFT che ho provato su mia moglie, tanto per
www.guarigionenaturale.com 17 © NatAliash
darvi un’idea di come funziona questo strano metodo. Un piccolo
esempio chiarirà ciò che voglio dirvi.
Dovete sapere che mia moglie è sempre stata affetta da un
problema di compulsione per le noci e le noccioline di vario genere.
Per anni, ogni volta che vedeva questa roba, perdeva il controllo di
se stessa e si buttava letteralmente su tutta la maggior quantità che
le era possibile ingurgitare.
Detto così, suona poco importante e poco elegante come problema,
ma chi ha avuto problemi di compulsione sa quanto sia difficile, e
frustrante non riuscire a fermarsi prima senza controllo. Soprattutto
dopo, quando si riprende l’uso della ragione ed i sensi di colpa e di
autostima bruciano fino all’ultimo pelo della propria dignità, la
situazione è allucinante. Ci si sente dei vermi, degli incapaci, degli
individui meschini privi di qualsiasi qualità. In aggiunta
all’indigestione, nel caso di mia moglie c’era ancora poi da lottare
anche contro l’accumulo di peso che la mole di calorie andava a
caricare su un povero corpo già di per sé obeso.
In simili situazioni è evidente che il vero problema non sono le
noccioline (o la nutella, o le sigarette, o la birra…o qualsiasi altra
cosa). Ma né lei, né alcun medico, psicologo, internista,
endocrinologo, o psichiatra erano in grado di individuare prima, ed
eliminare poi, il vero responsabile di questi attacchi di peantus (vi
ricordo che mia moglie, Natalia, è un infermiera che lavora in
Direzione Sanitaria e ha a che fare ogni giorno con tutta la crema
della crema della sanità al completo). E vi assicuro che non è
un’eccezione per le difficoltà che la Medicina Ufficiale detiene al
riguardo di molti casi che vanno ben al di là delle noccioline.
Comunque sia, un giorno, entrambi eravamo andati al
supermercato per fare la solita spesa settimanale, quando,
passando davanti all’espositore della frutta secca, è scattata in
Natalia la compulsione di noci, mandorle, nocciole e company, e con
una malcelata disinvoltura, ne ha acquistato un buon mezzo chilo.
Passati tre secondi dal posizionamento del sacchetto nel carrello, ha
dato avvio al consueto rituale di divoramento, perché non è mai
riuscita ad arrivare alla cassa col sacchetto anche solo parzialmente
pieno.
www.guarigionenaturale.com 18 © NatAliash
Durante il masticamento, le ho fatto “a tradimento” un paio di giri
veloci di EFT incurante della gente che ci stava intorno e delle sue
proteste. Mia moglie sembrava di essere come un bambino che non
voleva lasciarsi soffiare il naso, ma che essendo troppo presa dalle
golosità che aveva intorno, non opponeva più che tanta resistenza,
quando improvvisamente e con mia grande sorpresa, nel giro di tre
secondi, tre, era praticamente indifferente a quel sacchettone di
noci; anzi, dirò di più: non era solo indifferente, era praticamente
impossibilitata ad introdurne anche un solo ulteriore pezzettino.
Nella sua mente cercava disperatamente il file della goduria da
noccioline, ma non lo trovava più, e il suo corpo non voleva saperne
di mangiarne altre. Il cambiamento di situazione era stato così
repentino, che in quel momento, non riusciva affatto a godere della
situazione: le mancava la famigliare e rassicurante smania di
noccioline, e oltre che perplessa, era quasi arrabbiata con me
perché me l’ aveva fregata così in fretta e protestava che non era
giusto.
Per fortuna più tardi ha riacquistato il ben dell’intelletto ed ha potuto
esprimere tutta la sua più che sincera gratitudine a me e all'EFT, che
incurante delle mie proteste, l'aveva aiutata, liberandola da un
problema che la assillava da più di 30 anni.
Questo episodio, sperimentato in prima persona, ci offre lo spunto
per riflettere su uno degli aspetti più difficili su cui dobbiamo
lavorare: l’attaccamento ai nostri disagi.
Vi sono situazioni, a volte anche molto dolorose a cui, per varie
ragioni, ci riesce molto difficile il distacco. Anch'io ero afflitto da una
costante tristezza che portavo nel cuore dall'infanzia e solo dopo
aver capito che ero “affezionato” all'emozione negativa, ho potuto
lasciarla andare per sempre con l'EFT.
Forse perché sono un riempitivo molto famigliare, forse perché
ormai le sentiamo parte di noi, forse perché abbiamo più paura delle
novità che non del conosciuto, fatto sta, che non le vogliamo
mollare. In questo caso EFT prevede una tecnica di preparazione
che può invertire la polarità delle nostre dichiarazioni, e
praticamente interviene, come se dovesse riposizionare
correttamente delle simboliche batterie che dentro di noi stavano
www.guarigionenaturale.com 19 © NatAliash
con i poli invertiti. Se le pile sono metaforicamente al contrario, non
possono condurre l’ energia e può sembrarci che il sistema non
funzioni. In realtà occorre prima verificare di non avere in atto
quello che viene definito un sistema di autosabotaggio, ovvero le
pile al contrario.
Un esempio chiarirà meglio.
Mettiamo il caso di una persona che desidera coscientemente
eliminare un malessere o un disagio, diciamo un forte mal di testa,
ma quel malessere le permette di essere considerata, coccolata,
viziata, ecc… (ed invece senza questo, nessuno la vedrebbe), allora
sarà molto difficile che il subconscio le permetta di mollare il suo
mal di testa, perché proprio questo la difende da una sofferenza ben
maggiore, vale a dire, l’assenza di considerazione.
Vi è mai capitato che qualcuno si accorga di voi soltanto quando
siete ammalati o non ci siete, per così dire, in servizio? Ebbene, in
questi casi, potreste inconsciamente usare un disagio per farvi
“notare”.
Nel prossimo capitolo descriveremo passo per passo come occorre
procedere per estirpare questo tipo di problemi.
www.guarigionenaturale.com 20 © NatAliash
Come Applicare EFT
Proviamo ora a lavorare su di noi, prendendo inizialmente in
considerazione un problema semplice che ci tormenta.
Potrebbe essere una cosa astratta, come ad esempio la stanchezza,
oppure una cosa più concreta, come un dolore ai calli.
Vi esorto ad occuparvi inizialmente di un piccolo disturbo recente ,
perché così potete acquisire maggior praticità e fiducia nel vostro
operato, per poi passare ad altri più consistenti problemi.
Come ben sappiamo, tutti abbiamo bisogno di un po’ di pratica,
prima di divenire esperti di qualsiasi tecnica. Quindi non
scoraggiatevi, se inizialmente sarete un po’ impacciati. Questo è del
tutto normale, ed oserei aggiungere anche molto molto salutare,
perché così, nel caso aiuterete un giorno qualcun altro, non cadrete
nella trappola dell’orgoglio e della presunzione di sentirvi
Diopadreterno.
Ricordatevi che questa, come altre simili tecniche, lavorano su
energie che non siamo noi a governare e pertanto accontentiamoci
di essere dei buoni strumenti e lasciamo andare coscientemente
ogni pensiero che possa dar nutrimento al nostro ego.
Importante: usare sempre il buon senso. Suggerite la consultazione
di un medico, se occorre e non praticate EFT dove potrebbe esserci
bisogno di personale specializzato, come ad esempio in presenza di
patologie psichiatriche.
Ed ora facciamo la conoscenza dei punti sui meridiani che Gary
Craig ha individuato per semplificarci la vita.
www.guarigionenaturale.com 21 © NatAliash
Ricordiamo brevemente alcuni concetti che sono di utilità per
comprendere bene come può funzionare questo sistema: dunque,
EFT, e tutto il lavoro di Gary Craig prende le basi dalla Teoria della
Relatività di Albert Einstein, la cui famosissima equazione E=mc2
dimostra che tutto è energia che vibra a diverse frequenze, e quindi
anche i corpi che apparentemente sembrano solidi, in realtà sono
costituiti da energia vibrante a frequenze, ovviamente diverse a
seconda della qualità del “corpo”.
Quando la circolazione dell’energia dentro alle persone (ma anche
alle piante e agli animali) viene in qualche modo bloccata, si
manifesta con sintomi diversi che possono andare dalla semplice
indisposizione a disturbi anche molto significativi sia fisici che
emotivi o psichici (dolori, ansie, stanchezza…ecc…). Tutti questi
fenomeni che si riconducono alla fusione della fisica quantistica con
la psicologia, e che prendono il nome di Psicologia Energetica
trattano dell’equilibrio o dello squilibrio dei cosiddetti meridiani che
sono alla base della millenaria e molto ben accreditata Medicina
Cinese.
Trattando i Meridiani (come sappiamo bene dall’agopuntura) si
sblocca l’energia che non scorre e di conseguenza si libera anche il
traffico delle contratture emozionali responsabile dei vari disturbi.
A differenza dell’agopuntura, con EFT non si usano aghi e non
occorre conoscere tutti i 3000 meridiani che più o meno solcano i
nostri corpi.
Ciò che dobbiamo però conoscere sono circa 10+4 punti particolari
che si trovano quasi tutti nella metà superiore del corpo e sono
facilmente identificabili.
Questi si trovano:
1- alla sommità del capo
2- alla radice delle sopracciglia (vicino al naso)
3- all’angolo esterno dell’occhio (vicino alle tempie)
4- sotto l’occhio (al centro delle occhiaie, per capirsi)
5- sotto al naso (dove stavano i baffetti di Charlot)
6- all’inizio della clavicola (vicino allo sterno)
www.guarigionenaturale.com 22 © NatAliash
7- sotto l’ascella (per le donne, dove passa il reggiseno)
8- sotto il capezzolo (circa quattro dita sotto)
9- alla base laterale del mignolo (in corrispondenza della piega che
fa la pelle quando si tiene il pugno chiuso)
10 e per finire le falangi laterali delle dita della mano
11-14 lato interno delle dita (vicino alla cuticola) del pollice, indice,
medio e mignolo
Per facilitare la comprensione vi passiamo un’ulteriore spiegazione
facilitata: prima di picchiettare sui punti indicati, è opportuno però
picchiettare il punto dell’inversione psicologica, ovvero il punto
karatè (mano) o quello che viene definito punto doloroso che si
trova sul torace sotto la clavicola (vedi disegno sotto).
Questa operazione va fatta preliminarmente (questa fase viene
chiamata il Setup o la Preparazione) al fine di aggiustare
l’eventuale resistenza inconscia o l’Inversione Psicologica che
può ostacolare l’avvio dello scorrimento dell’energia che vogliamo
liberare. Molti soggetti sono convinti di volere fermamente una cosa,
ma nel loro subcosciente le cose non stanno affatto così e la
resistenza è fortissima. Un po’ come se al nostro interno avessimo
delle batterie posizionate con i poli invertiti e quindi con tutta la più
buona volontà, l’energia non può scorrere.
Questo primo esercizio quindi, aggiusta l’eventuale resistenza
inconsapevole interiore, ma non è sempre facile e automatico. Certe
volte le resistenze sono molto forti ed è qui che entra in gioco un
esperto operatore di EFT. Se non si riesce a sciogliere
l’Inversione Psicologica all’inizio, tutta la sessione di
picchiettamenti non avrà alcun effetto.
Ma come si fa a capire se abbiamo colpito nel segno? Ci possono
essere diverse reazioni come p. es.:
· improvvisa sonnolenza o aumento di energia;
· sensazione di energia fresca nel corpo (soprattutto pancia e
cuore);
· viene a galla un’inaspettata emozione e/o ricordo;
· una sensazione di leggerezza e pace.
www.guarigionenaturale.com 23 © NatAliash
Dall’esperienza di migliaia di persone, da soli si riesce a risolvere
fino al 50% dei problemi personali (dato notevole visto che non tutti
siamo psicologi o esperti nel campo psico-emotivo), soprattutto
quelli più recenti, che pùò essere p.es. un recente litigio con il
partner. I casi più complessi e “vecchi” hanno quasi sempre bisogno
della guida esterna da un operatore EFT (contattatemi per una
primo colloquio gratuito di 30 minuti - ricevo anche per telefono).
Bene, eliminata l’Inversione Psicologica, passiamo ora ai punti da
picchiettare.
www.guarigionenaturale.com 24 © NatAliash
Ecco i punti utili da picchiettare connettendosi
mentalmente al problema che si desidera
eliminare:
1 = Punto Dolente - Sul petto, dove si mettono le medaglie o le
spille. Premere vigorosamente con le dita per trovare un'area
piuttosto dolente.
2 = Sopra la testa – la fontanella ovvero il punto in mezzo alla
testa sopra.
3 = Inizio del sopracciglio - dove l'osso dietro il sopracciglio
diventa il ponte del naso.
www.guarigionenaturale.com 25 © NatAliash
4 = Angolo dell'occhio - sull'osso nell'angolo dell'occhio
5 = Sotto l'occhio - sull'osso proprio sotto l'occhio, in linea con la
pupilla se guardi dritto in avanti
6 = Sotto il naso - fra il naso e il labbro superiore
7 = Sotto la bocca - nell'incavo fra il labbro inferiore e il mento
8 = Clavicola - circa un pollice in basso e di lato rispetto all'angolo
formato dalla clavicola e dallo sterno
9 = Sotto il braccio - in linea con il capezzolo maschile sul lato del
corpo
10 = Pollice - tutti i punti delle dita sono sul lato del dito, in linea
con il letto dell'unghia, in direzione del corpo
11 = Indice, 12 = Medio, 13 = Mignolo
K = Punto Karatè - sul lato esterno della mano, nella fessura che
si forma piegando le dita contro il palmo, dove c'è la linea della vita
G = Punto Gamut - giusto dietro e in mezzo alle nocche
dell'anulare e del mignolo
Prenditi un momento ora per trovare e toccare ogni punto in
successione.
www.guarigionenaturale.com 26 © NatAliash
In EFT, questi punti sono stimolati picchiettando con le dita su di
essi (ad eccezione del Punto Dolente che viene massaggiato). La
forza del “tapping” (significa: picchiettamento) deve essere
confortevole, ma devi riuscire a sentire una risonanza che dal
tapping si estende per un'area ragionevole di quel lato del viso.
Le persone hanno una diversa velocità di tapping. Alcune persone
sviluppano un tipo di picchiettamento veloce dopo un po' di tempo,
mentre altre lo fanno lentamente; tu fai quello che sembra "giusto"
per te.
Per impratichirti, adesso picchietta ogni punto dalla testa al Punto
Karatè giusto per averne la sensazione oppure guarda il video
dimostrativo sul sito www.guarigionenaturale.com
www.guarigionenaturale.com 27 © NatAliash
Contattare il Problema
Per dirigere gli effetti di scioglimento di EFT all'area richiesta,
concentriamo la nostra mente sul problema usando una
dichiarazione del problema: ad esempio: "Io ho paura dei ragni”,
oppure "sono ansioso” o sento mal di denti” ecc…..
Preferibilmente questa frase va pronunciata a voce alta, per
contattare il problema più direttamente possibile, altrimenti anche a
mente va bene.
Ora, per un momento, pensa a un problema che hai, una
sofferenza, una paura, una malattia o forse una fobia, qualcosa che
ti fa sentire depresso quando ci pensi, un'emozione negativa che sei
felice di sciogliere ora e per sempre. Dagli ora una valutazione di
intensità personale da 0 a 10 (il SUD Level, vedi capitolo “Verificare
il Cambiamento”), tenendo conto l'1 rappresenta una minima
intensità e 10 la massima.
Questa valutazione è soggettiva, ma è importantissima per poter poi
sentire i cambiamenti.
Poi scegli una frase con parole che suonino giuste per te. Più
dettagliato, diretto e sincero puoi essere e più profondo sarà il
cambiamento che sperimenterai.
Puoi anche variare l’inizio della sessione scambiando il Punto Karatè
con il Punto Dolente. Potete trovare questo punto (vedi disegno
punto n.1) mettendo un dito alla base della gola dove troverai un
punto a forma di U all’inizio dello sterno. Qui scendi verso l’ombelico
circa 7 cm e poi da lì altri 7 cm a destra o a sinistra, quindi
trovandovi nella parte superiore del torace. Ora premete con un
certo vigore su quella zona fino a che non sentite un lieve dolore.
Questo punto è un nodo linfatico dove si creano delle congestioni ed
è normale che faccia male (se non sentite nulla è perché non avete
www.guarigionenaturale.com 28 © NatAliash
premuto abbastanza oppure non avete trovate il punto – ogni
essere umano ce l’ha!).
Importante: questo è l’unico punto che viene MASSAGGIATO in
senso rotatorio e non picchiettato!
Ma è meglio usare il Punto Karatè o il Punto Dolente? Gli anni di
esperienza degli operatori EFT indicano che il Punto Dolente è
leggermente più efficace nell’eliminare l’Inversione Psicologica, ma
nulla toglie di usare sempre il karatè e nei casi più difficili usare
l’altro.
Ok, adesso possiamo usare sia il Punto Karatè o il Punto Dolente e
dire a voce alta:
"Anche se io (inserite la dichiarazione del problema),
io mi amo e mi accetto completamente e profondamente."
Per esempio, se avete deciso che il vostro problema è:
"il mal di pancia mi sta uccidendo",
poi verrebbe così:
"Anche se il mal di pancia mi sta uccidendo,
io mi amo e mi accetto profondamente e completamente."
Ripeti questa frase tre volte, continuando a picchiettare (o
massaggiare il Punto Dolente) mentre lo fate, e per piacere tentate
di mettere un po' di convinzione ed energia dentro la parte "io mi
amo e mi accetto profondamente e completamente."
Dopo questo Setup (o la Preparazione), noi picchiettiamo ogni
punto, iniziando dal Punto Karatè e poi passando dall'alto, alla
sommità del capo dove c’è il centro della testa e proseguiamo con il
n. 2 - Sopracciglio e finendo con il punto 13 – il Mignolo oppure con
il Punto Gamut (vedi prossimo capitolo).
www.guarigionenaturale.com 29 © NatAliash
Mentre picchietti ogni punto, ripeti una versione breve della Frase
Setup (Frase di Preparazione), chiamata frase Reminder; non
occorre ripetere tutta la frase ad ogni punto.
Così se il tuo Setup era:
"Anche se sono arrabbiato/a con (nome o situazione) , io mi amo e
accetto profondamente e completamente "
... tu ripeti la Reminder (versione breve) frase con:
"Questa rabbia con (nome o situazione) "
... su ogni punto, dal 2 al 13 mentre contemporaneamente
picchietti.
Per i casi più complessi è utile proseguire con questo ulteriore
“esercizio” al fine di lasciar andare ciò che è più tenacemente
radicato. L’esercizio si chiama il 9 Gamut e consiste in alcuni
esercizi semplici che mettono in attività gli emisferi cerebrali
alternativamente.
www.guarigionenaturale.com 30 © NatAliash
Il 9 Gamut
Dopo aver picchiettato su ogni punto circa 7 volte dalla testa al
mignolo, continua a tamburellare sul Punto Gamut, in questo
modo (consigliato guardare video dimostrativo):
· occhi chiusi
· occhi aperti
· occhi all'estrema destra, senza muovere la testa
· occhi all'estrema sinistra
· roteare gli occhi in un grande cerchio (dal pavimento al
soffitto)
· roteare gli occhi nella direzione contraria
· canticchia a bocca chiusa una qualsiasi melodia/canzone per
circa 10 secondi;
· conta a voce alta – “uno due tre quattro cinque”
· canterella ancora 10 secondi (puoi anche inventarti una
melodia)
Mentre fai queste cose (all'inizio un po' strane e ridicole), ripeti la
frase Reminder come meglio puoi, cercando di rimanere concentrato
sul problema che stai trattando con EFT.
Il movimento degli occhi è collegato a una serie di funzioni cerebrali
e la ragione per canterellare, contare, canterellare è che questa
manovra permette di passare velocemente da un emisfero cerebrale
all'altro (cantare = emisfero destro, contare = emisfero sinistro);
entrambe sono progettate per "risvegliarti" neurologicamente così
che il tapping possa lavorare sul problema.
Poi ripeti il passaggio ancora una volta, picchietta tutti i punti dalla
testa fino al mignolo. Fai un respiro profondo e concediti un
momento per riflettere su come ti senti ora.
www.guarigionenaturale.com 31 © NatAliash
Verificare il cambiamento
Prima di iniziare la sequenza di EFT per ogni soggetto o problema,
prenditi il tempo di fare un'auto-valutazione.
Un'eccellente maniera di verificare, per te stesso o altri, come ti
senti è fare una valutazione su una scala da 0 a 10. Il termine
tecnico è SUD Level or SUDS Scale Reading, che sta per
Subjective Units of Disturbance (Unità Soggettiva di Disturbo).
Questo, in parole povere, significa chiedere a te stesso:
Su una scala da 0 a 10 (dove 10 è la più alta immaginabile
sofferenza/emozione/paura/sconforto, e zero è essere
completamente calmo, senza dolore, tranquillo, rilassato e felice)
come valuti quello che stai provando in questo momento?
Questo tipo di valutazione funziona per le emozioni, come pure sulle
sensazioni fisiche e anche per le convinzioni limitanti.
Su una scala da 0 a 10:
· Quanto sei arrabbiato adesso?
· Quanto doloranti sono le tue spalle?
· Quanto è grave la tua paura dell'acqua?
· Quanto è doloroso questo ricordo?
· Quanto detesti questa situazione?
Prima di iniziare EFT, quindi, prenditi il tempo di fare una
valutazione del SUD e annotala mentalmente. Dopo, quando hai
completato la sequenza intera di EFT, ripeti di nuovo la domanda
per scoprire come è cambiata la valutazione. E' un buon modo per
valutare quanto EFT ha funzionato e se hai bisogno di fare altri giri
di picchiettamento.
Qualche volta il problema può passare da 10 a 0 in un singolo
passaggio. Più spesso, tu inizi da 8 o 9, e dopo un giro di EFT,
l'intensità è ridotta a 4 o a 5.
Questo significa che EFT ha iniziato ad agire, ma che devi
continuare ancora.
www.guarigionenaturale.com 32 © NatAliash
Successive Sequenze o Passaggi
Se l'originale frase di Preparazione era qualcosa come: " Anche se
ho questo problema " e tu hai completato un primo giro su "questo
problema", e dopo aver valutato il risultato, esso non è più così
intenso ma ancora visibile, cambia la frase Setup in questo modo:
"Anche se rimane ancora qualcosa di questo problema."
Quando arrivi a una valutazione di "è rimasta solo una piccola
punta" diciamo un due, uno o anche un mezzo punto nella scala
SUDS , puoi fare un terzo passaggio con questa frase iniziale di
Setup:
"Io voglio superare completamente questo problema
e completamente e pienamente accettare me stesso ".
Oppure
puoi fare un passaggio di 9 Gamut.
Puoi fare una sequenza praticamente illimitata di passaggi, ma di
regola EFT funziona molto più velocemente se siamo precisi
nella descrizione del problema. Gary Craig prende spesso come
esempio un tavolo con tante gambe sotto. Se il problema è “non
sono felice”, ciò rappresenta la superficie del tavolo perchè è una
descrizione generale; infatti picchiettando sul generale i risultati
spesso tardano ad arrivare. Devi focalizzarti sulle gambe che
reggono il problema, immaginando che ogni gamba rappresenta un
specifico evento nella vita, come p.es. “Quando a 6 anni sono stata
abbandonata dalla madre in mezzo ad una piazza pieno di gente...”.
Essendo così specifici EFT ha molta più efficacia; è come mettere
una lente d'ingrandimento sotto la luce solare che diventa una luce
www.guarigionenaturale.com 33 © NatAliash
laser iperpenetrante che scioglie all'istante l'evento specifico. Quale
luce sarà più efficace?
Quindi il successo avverrà quando la maggior parte di eventi
specifici verranno picchiettati e portati ad intensità zero; possono
essere 5, 10, 100 eventi negativi collegati ad un problema generale,
ed è qui che entra in gioco la costanza e l'aiuto di un operatore EFT
che dall'esterno riesce ad identificare meglio il problema e che vi
tiene motivati a continuare. ;-)
www.guarigionenaturale.com 34 © NatAliash
La Formula Completa
Vediamo adesso la completa formula energetica:
1. Scegliere un problema e valutarne l’intensità da 0 a 10
2. La Preparazione
3. La Sequenza
4. La procedura 9 Gamut
5. La Sequenza.
6. Verificare l’intensità: se a zero, ok, altrimenti continuare dal
punto 2
1. Le prime volte scegliete qualcosa di facile e di recente, sia per
abituarvi alla tecnica, sia per avere un risultato immediato che vi
motiverà a proseguire.
2. La Preparazione contiene quindi due passaggi: il ripetere per 3
volte l’affermazione “Anche se….mi amo e mi accetto…” e il
picchiettare in contemporanea il Punto Karatè o massaggiare il
Punto Dolente.
3. La Sequenza è il picchettamento di tutti punti ripetendo su ogni
punto la frase Reminder (la frase abbreviata che ti tiene collegato al
problema trattato).
4. La procedura 9 Gamut è la parte forse più ridicola di EFT perché è
un’insieme di movimenti oculari, canticchiare in sordina e contare a
voce. In tutto la procedura Gamut dura circa 30 secondi.
5. La Sequenza (di nuovo) per rafforzare lo scorrimento dell’energia
nel vostro corpo e per ottenere un risultato migliore.
6. Se dopo i 5 passaggi sentite ancora un po’ di disagio, fate un
altro giro. La tenacia e la costanza è una delle più importanti
www.guarigionenaturale.com 35 © NatAliash
differenze dell’operatore EFT esperto e quello novizio. Se, anche con
la vostra tenacia il problema rimane, allora non significa che EFT
non funzioni per voi, ma che semplicemente non avete l’esperienza
sufficiente. Prendete l’EFT come un piccolo percorso personale. Un
passettino alla volta. Rileggete più volte il libro e,appena vi trovate
in un vicolo cieco, chiedete aiuto.
www.guarigionenaturale.com 36 © NatAliash
Gli Aspetti
Prendiamo il caso di lavorare sulla paura del parlare in pubblico ed
abbiamo un’intensità emotiva (il livello di SUD) a quota nove. Dopo
qualche giro di EFT lo portiamo a zero – ciò significa che non
avremo mai più paura di parlare in pubblico?
Non è detto.
Anzi, spesso e volentieri vengono a galla altri aspetti dello stesso
problema che devono essere anche trattati. Ecco cosa vogliamo dire
come aspetto: diciamo che siamo arrivati a portare la paura del
parlare al pubblico a zero, ma quando ci ritroviamo di fronte ad un
mucchio di ascoltatori, che mi puntano intensamente con lo sguardo
interrogativo, risvegliando in me la paura di sbagliare, cosa è
successo? EFT non ha funzionato?
No!
Abbiamo soltanto trascurato un aspetto del nostro problema che è
“quando mi puntano intensamente con lo sguardo interrogativo” che
risveglia in noi nuovamente la paura del parlare in pubblico. Prima
abbiamo trattato il problema solo in linea generale (paura del
parlare in pubblico in generale), ma adesso dobbiamo sciogliere
l’intensità emotiva sui vari dettagli che nel loro insieme portano alla
nostra paura.
IMPORTANTE: per neutralizzare completamente e
perennemente un problema, dobbiamo arrivare alla sua
radice. Può essere che d’un tratto vi ricorderete di quanto i vostri
genitori/amici/scuola vi hanno deriso in pubblico da piccolo e dopo
aver picchiettato su quel aspetto, la paura del parlare in pubblico
svanirà per sempre.
Però non è detto che dovete sempre trovare un motivo nascosto del
vostro problema (anche se nella maggior parte dei casi è così)
perchè a volte con pochi giri di EFT si possono ottenere dei risultati
eccezionali, ma che rappresentano solo circa il 10% dei casi.
www.guarigionenaturale.com 37 © NatAliash
La regola generale per ottenere i migliori risultati è: più precisi e più
aspetti trattate, più successo avrete. Alcune volte (nei casi più
complicati) vi sembrerà che il problema abbia infinite sfaccettature e
che il problema non si risolva mai. Per spiegare questo mistero, una
delle più belle metafore che Gary Craig usa per mettere l’EFT nelle
giusta prospettiva, è la similitudine fra il problema generale e un
bosco ammalato dove ognuno dei problemi specifici di base è un
albero “negativo”. Il bosco è denso di alberi negativi e la via d’uscita
sembra impossibile, soprattutto se pensiamo di poter con un colpo
solo tagliare via tutti gli alberi negativi. Ma, togliendo un albero alla
volta, lentamente una luce entra nel fitto bosco e noterete dopo un
po’ di costante applicazione che la vostre reazioni a certe circostanze
cambieranno e vi sentirete più leggeri, più liberi. Ogni albero
negativo eliminato è un passo più vicino verso la vostra
libertà emotiva.
Come in tutte le pratiche, anche qui la perseveranza viene ripagata
nel tempo. Picchiettarvi 5 minuti al giorno per un paio di mesi porta
inevitabilmente ad un risultato, e spesso, picchiettandovi ogni
giorno, permetterete al vostro subconscio di liberare gradualmente
ciò di cui avete bisogno di conoscere di voi stessi per guarire. La
costanza è più importante di quanto si possa immaginare perché
uno degli errori più comuni dei novizi è lavorare troppo su problemi
troppo generici e poi perdono l’entusiasmo e abbandonano la
tecnica etichettandola come non efficiente.
La parte più confortante dell’EFT è che anche se hai 100 ricordi
traumatici riguardo ad un problema personale, basta tagliare solo i 5
o 10 ricordi o alberi negativi principali (cioè più intensi) per
abbattere tutto il bosco. 
Quindi, vi preghiamo di non mollare. Piuttosto compratevi i corsi a
basso costo di Gary Craig (solo in inglese) dal suo sito oppure
chiedetemi aiuto. Sono qui per questo.
www.guarigionenaturale.com 38 © NatAliash
Le Tossine Energetiche
Uno degli impedimenti alla guarigione, oltre all’Inversione
Psicologica e agli aspetti nascosti dal nostro subconscio, può essere
causato anche dalle cosìdette tossine energetiche. In generale le
tossine possono essere di 3 tipi: quelle elettromagnetiche, quelle
alimentari e quelle a contatto fisico.
Le tossine elettromagnetiche sono solitamente causate da campi
elettromagnetici negativi costantemente presenti nella nostra vita
come p.es. la TV, il cellulare, il computer e altri strumenti moderni.
Nel caso abbiate la sensazione che il vostro problema sia causato
da una tossina elettromagnetica, provate ad mettervi in un luogo
senza intermittenze elettromagnetiche (o almeno, il meno possibile,
mettendo via il cellulare, l’orologio dal polso e così via) e provate a
picchiettarvi nuovamente un paio di giri. Se dopo un paio di giorni
non avete miglioramenti, allora forse avete il caso della tossina
alimentare.
Le tossine alimentari più frequenti sono:
Verdure Zucchero bianco Alcool
Caffè Nicotina Grano
Thè Prodotti caseari Mais
Caffeina Pepè
E anche tutti i cibi che mangiate con grande frequenza. Forse
sei un’amante delle carote e le mangi ogni giorno? Forse bevi la
Coca-Cola ogni giorno? Prova a non consumarne per un paio di
giorni e poi picchiettai un po’ e verifica se ti senti meglio.
Ancora non passa? Allora forse hai la tossina a contatto fisico che
sono tutte le sostanze chimiche che ci mettiamo sul corpo o nella
cavità orale come lo shampoo, il sapone, il dentifricio, il profumo, i
vestiti lavati con il detersivo, il rossetto e così via. Tutte questi
prodotti contengono diverse sostanze chimiche che la pelle assorbe
e possono causare un’interferenza energetica rendendo EFT
inefficace. Provate a farvi una bella abbondante doccia solamente
con l’acqua e poi da nudi (sì, nudi) fate un paio di giri di EFT. So che
www.guarigionenaturale.com 39 © NatAliash
può sembrare ridicolo, ma a volte è proprio questa la soluzione al
vostro male.
Comunque non preoccupatevi: le tossine energetiche rappresentano
meno del 10% dei casi, ma è utile conoscere l’esistenza di questi
impedimenti energetici.
www.guarigionenaturale.com 40 © NatAliash
Le Scorciatoie
Oggi viviamo in un mondo caotico dove avere del tempo libero è
diventato il lusso più grande che nessun oro al mondo può ripagare.
Ecco quindi che la sequenza completa dell’EFT può essere
ulteriormente accorciata senza diminuirne l’efficacia nonostante
occorrono soltanto 1 minuto per una sola formula completa! Questa
scorciatoia è particolarmente utile ai medici, psicologi e a tutti gli
operatori del benessere che hanno a che fare con molte persone e
dove un risparmio di 40 secondi a giro di EFT può fare una grande
differenza. ;-)
IMPORTANTE: consigliamo vivamente di imparare a memoria e a
livello automatico TUTTA LA FORMULA COMPLETA e solo DOPO
iniziare con le scorciatoie! Saltare questo passo potrebbe crearvi
confusione e scoraggiamento.
Si possono accorciare o addirittura eliminare i seguenti 3 passaggi:
la Preparazione, la Sequenza (solo accorciare) e il 9 Gamut.
La Preparazione è quasi sempre presente nei casi più complessi
come la depressione, le dipendenze, traumi, ecc. e rappresenta la
chiave di svolta nella guarigione in questi campi. Mentre se usate
l’EFT su altri esempi più semplici come un litigio recente con il capo,
qui potete direttamente passare alla Sequenza. Nel caso che
l’intensità emotiva non scenda dopo il primo giro, allora potete
aggiungere la Preparazione. Solitamente l’Inversione Psicologica è
presente nel 40% dei casi.
La Sequenza può essere SOLO accorciata, ma mai eliminata perché
è proprio con i punti dei meridiani picchiettati che riusciamo a
sciogliere dolcemente l’intensità emotiva e quindi la nostra
sofferenza.
Ecco la versione abbreviata:
www.guarigionenaturale.com 41 © NatAliash
1- alla sommità del capo
2- alla radice delle sopracciglia ( vicino al naso)
3- all’angolo esterno dell’occhio ( vicino alle tempie)
4- sotto l’occhio (al centro delle occhiaie, per capirsi)
5- sotto al naso (dove stavano i baffetti di Charlot)
6- all’inizio della clavicola (vicino allo sterno)
7- sotto l’ascella (per le donne, dove passa il reggiseno)
Noterete, anche in questo caso, che i risultati saranno altrettanto
buoni. Nel caso non riuscite ad arrivare allo zero di SUD, allora
provate ad aggiungere altri punti.
Il 9 Gamut è utile solo nel 30% dei casi e quindi potete anche
eliminarlo ed usarlo come arma di riserva nel caso di un blocco
energetico – anche se vi ricordo che la maggior parte delle volte dei
casi tosti la chiave del successo sta nella Preparazione.
www.guarigionenaturale.com 42 © NatAliash
Applicazioni e Tecniche Avanzate
Qui proponiamo alcune delle tecniche più usate dei più esperti
operatori EFT al mondo.
EFT su Paure e Fobie
L’EFT porta enormi benefici trattando le paure e le fobie. Mettiamo il
caso che ho paura dell’altezza ed è da anni che non trovo il coraggio
di affacciarmi su un balcone di un appartamento al terzo piano. In
questo caso potrei iniziare con:
”Anche se ho paura dell’altezza, mi amo e accetto completamente e
profondamente.”
Poi, se la paura persiste, proverei a passare all’evento specifico che
potrebbe essere:
”Anche se all’età di 7 anni sono caduta giù dall’albero e mi sono
fatta tremendamente male, io mi amo….”
Continuate a picchiettare su qualsiasi altro dettaglio, ricordo o
sensazione che vi trasale fino a portarlo a zero. Quando ciò succede,
significa che non siete psicologicamente invertiti ed il subconscio sta
collaborando con voi fornendovi informazioni importantissime per
sciogliere il nodo emozionale. E poi non preoccupatevi di contattare
qualcosa di troppo forte o grande da poter sopportare da soli –
l’intelligenza del vostro corpo sà esattamente quanto potete reggere
senza perdere la testa.
Eliminata la paura dell’altezza non significa che adesso vi butterete
giù con una paracadute ogni qualvolta avrete davanti a voi un
balcone! EFT elimina solo la parte malsana della fobia/paura, ma
lascia sempre la reazione istintiva necessaria per scappare o
difendersi da una paura reale. ;-)
www.guarigionenaturale.com 43 © NatAliash
Per aiutarvi a scovare meglio le paure e/o fobie personali, ecco una
lista delle più classiche fobie:
Acqua
Acqua profonda e scura
Buio
Essere giudicati da tutti
Essere rifiutati da tutti
Cani
Altezza
Viaggiare in aereo
Solitudine
Morte
Malattia e Sofferenza
Sangue
Ascensori
Squali
Serpenti
Ragni
Topi
Insetti
Dentista
Folla
ecc.
EFT su Problemi Fisici
L’EFT può essere usato efficacemente anche sui problemi fisici.
Ormai anche la medicina ufficiale conferma il collegamento della
psiche e delle emozioni con i disturbi fisici con la nascita negli anni
novanta della Psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI); nulla di
nuovo, direbbero i medici ayurvedici e i cinesi, perché è da 5000
anni che si è scoperto che la maggior parte dei sintomi fisici è una
conseguenza di blocchi psico-emotivi. Risolvere questi blocchi
significa dare al corpo l’opportunità di ritrovare il suo naturale
equilibrio e salute.
www.guarigionenaturale.com 44 © NatAliash
Con i problemi fisici bisogna usare sia la razionalità sia un po’ di
intuizione, perché per trovare la radice del problema fisico bisogna
porse delle domande come:
”Quando è successo l’infortunio o quando è iniziata la malattia?”
”Cos’è successo in quel periodo? Ero stressato? Triste? Arrabbiato?”
”Cosa mi impedisce di fare questo male?”
”Quali vantaggi mi porta questo problema?”
(questa domanda sembra assurda e quasi offensiva, ma vi
garantisco che dal subconscio spesso arrivano risposte sbalorditive,
ma non di meno risolutive!)
”Se non avessi questo problema cosa farei e cosa succederebbe o
cosa sarei costretto a fare?”
”Se questo sintomo avesse un messaggio, cosa mi direbbe?”
”Se questo sintomo avesse un colore, una forma o un profumo,
quale sarebbe?”
Inserite le risposte alle domande nella Preparazione e visto che il
male è inflitto a voi stessi, raccomandiamo sempre di aggiungere il
perdono. Per esempio:”Anche se sono arrabbiato con ________ , mi
apro alla possibilità di lasciar andare il passato.”
”Anche se sono arrabbiato con me stesso per non avermi difeso, mi
perdono per non essere perfetto.”
Importante: alcuni problemi fisici persistono con tenacia e quindi è
necessario applicare EFT ogni giorno per 5 minuti per alcune
settimane e mesi. Nuovamente, l’importanza della costanza!
EFT sui Traumi
Forse il lavoro sui traumi è quello più incredibile e profondo. La
prime volte è difficile solo pensare che tre minuti dopo aver
contattato o rivissuto un vecchio trauma, puoi parlarne
tranquillamente, a volte addirittura ridendoci sopra! L’abbiamo visto
molte volte. Uno dei video più impressionanti di Gary Craig riguarda
il trattamento di un veterano della guerra del Vietnam con seri
disturbi psico-emotivi, che si rivolgeva a delle cure da oltre 20 anni
presso una apposita struttura senza grosso sollievo. Il suo più
www.guarigionenaturale.com 45 © NatAliash
grande problema era rivivere nella mente ogni notte delle scene di
guerre che non gli permettevano di dormire fino a notte fonda. Ed
era così da più di 20 anni. La psicoterapia tradizionale classifica
questi tipi di traumi come non curabili, mentre con una sola sessione
di EFT con Gary Craig, il veterano guarì completamente. La prima
notte non poteva comunque dormire, ma non perché aveva incubi,
ma perché la sua mente non riusciva a trovare il file di quel ricordo
– c’era un’inaspettata pace mentale alla quale non era mai
abituato!!
Ovviamente dalla seconda notte in poi dormì ogni notte come un
sasso. Per noi vedere quel video è stato veramente commovente.
I traumi hanno di solito più aspetti ed una forte carica emozionale
ed è per questo che esistono diverse tecniche per trattarli in modo
sicuro ed efficace.
La Tecnica del Film
Qui bisogna considerare il trauma come un film e proiettarlo sullo
schermo della mente con una certa lentezza per non perdere i
dettagli ovvero gli aspetti da picchiettare nel caso portino una carica
emozionale. Date un titolo al film - p.es. se da piccolo sono stato
spesso ingiustamente pestato da mio padre, il titolo potrebbe essere
“L’Ingiustizia”. Poi iniziate a girare il film nella vostra mente e ogni
volta che un particolare vi aumenta l’intensità emotiva, fate un giro
completo di EFT con:
”Anche se ho vissuto “L’Ingiustizia”, mi amo e mi accetto
completamente e profondamente” e poi ripetete su ogni punto
“questa Ingiustizia”.
Applicare questa sequenza su ogni pezzetto di film che vi risulti
disturbante fino a poterlo vedere senza alcuna sensazione
spiacevole. L’obiettivo è portare l’intera esperienza all’intensità
emotiva zero.
La Tecnica del Racconto
La Tecnica del Racconto è più utile quando l’evento ha molti aspetti
da trattare perché il problema viene raccontato a voce alta che
www.guarigionenaturale.com 46 © NatAliash
porta a rallentare il processo e quindi permette di ricordare e
inserire più particolari legato all’evento. Potete parlare ad un’altra
persona oppure da soli a sé stessi. L’importante è iniziare sempre
da un punto con zero intensità emotiva. Questa è una regola da
applicare in ogni lavoro su eventi traumatici. Poi, man mano
che l’intensità aumenta, picchiettate sull’aspetto, portatelo a zero e
proseguite fino alla fine del racconto.
Nota: è molto probabile che prima o poi vi imbattete nella radice del
problema, portando il SUD a livello 10, ed è proprio qui importante
picchiettare in continuazione per sciogliere il blocco energetico.
Secondo la nostra esperienza è sempre meglio essere in due, così
l’altro picchietta il raccontatore facilitandogli e velocizzandogli
l’esperienza.
La Tecnica del Trauma Senza Lacrime
Creata per affrontare traumi molto intensi, questa tecnica minimizza
il dolore prima di entrare nel vivo. Ci sono casi in cui solo a pensare
ad un evento negativo, la persona viene catapultata in un forte
turbinio emotivo, quindi consigliamo di procedere nel seguente
modo:
1. senza rivivere o immaginare un trauma specifico, sceglierne
uno;
2. immaginare l’intensità che avrebbe su scala 0-10;
3. crea un titolo (vedi Tecnica del Film) e fai un paio di giri di EFT
finchè non ti sembra di aver abbassato l’intensità;
4. chiediti (o chiedi al cliente) se ti senti sicuro a proseguire – se
no, picchiettare sull’insicurezza o sulla paura del dolore o dello
sconosciuto;
5. ora entrare nel vivo del ricordo traumatico usando la Tecnica
del Racconto;
6. Portare tutti gli aspetti a zero.
Tutti noi abbiamo vissuto degli eventi traumatici, ma non tutti si
ricordano. Il subconscio spesso rimuove così bene certi ricordi che
riusciamo a sentire un disagio (fisico e/o emotivo), ma non
sappiamo a cosa è legato. Picchiettare diligentemente sui meridiani
ogni giorno, col tempo stimola il vostro subconscio a rivelarvi quelle
parti di voi dimenticate da tempo. Quindi siate aperti, pazienti e
www.guarigionenaturale.com 47 © NatAliash
compassionevoli verso ciò che avete seppellito da anni dentro di voi.
Prima o poi, magari in un attimo vi ricorderete di un dettaglio
vissuto tanto tempo fa, oppure sentirete delle emozioni che non
immaginavate lontanamente di aver conservato così a lungo nel
vostro corpo (infatti spesso le persone dicono che hanno ormai
superato un problema, mentre in verità l’hanno solo superato
razionalmente).
Il percorso di guarigione con l’EFT è a momenti ripido, ma i risultati
meritano sempre di gran lunga gli sforzi. 
EFT sulle Dipendenze
Prima di addentrarci nel trattamento delle dipendenze, proviamo a
distinguere la differenza fra l’abitudine e una dipendenza. Se sono
abituato ad alzarmi ogni mattina appoggiando prima il piede destro
per terra e poi quello sinistro, basterebbe un po’ di pratica, costanza
e tanta vitamina B per la memoria (scherzo), per riuscire a
modificare l’abitudine, giusto? In effetti non è che costi molto come
fatica.
Proviamo ora a fare la stessa cosa per smettere di fumare o per
smettere di mangiare i dolci. Come mai non funziona, oppure
resistiamo solo per un periodo e poi cediamo?
Qual è la differenza quindi fra abitudine e dipendenza?
Con la dipendenza stiamo temporaneamente calmando una
profonda sensazione di disagio interiore (ansia, rabbia, paura,…) che
non è mai presente nell’abitudine, che solitamente ha solo origine
mentali e NON emotive. Avete presente il nervosismo e la rabbia di
chi non fuma un tot di ore?
Le dipendenze nascondono sempre un profondo dolore sottostante,
coperto dalla paura (anche quello di rivivere il dolore), e poi ancora
dalla rabbia che è la emozione più in superficie. TUTTI questi
strati di emozioni possono essere trattate con l’EFT, e nel
caso delle dipendenze esistono fondamentalmente due approcci.
Il primo consiste nel picchiettare direttamente sulla voglia di
fumare/bere/fare sesso compulsivamente/mangiare/,ecc. più volte
al giorno – dalle 15 alle 25 volte al giorno distribuite equamente
www.guarigionenaturale.com 48 © NatAliash
durante il giorno. Potete aiutarvi con la sveglia del cellulare che vi
ricorda ogni mezz’ora il vostro momento di tapping. Oppure fatelo
sistematicamente in certi momenti della giornata come appena
alzati, prima di uscire da casa, ogni volta che andate in bagno,
prima e dopo ogni pasto e prima di andare a dormire.
Oltre a ciò, EFT andrebbe applicato ogni volta sentite un desiderio
irresistibile di soddisfare il vostro bisogno (onestamente, è difficile
ricordarselo quando la voglia è già molto intensa e il subconscio farà
in modo che voi vi dimenticate tranquillamente dell’EFT, quindi
meglio cercare di anticiparla il più possibile!). Potete anche far salire
la voglia, p.es. aprendo un barattolo di Nutella, e poi picchiettare
con “Anche se ho una tremenda voglia di mangiare la Nutella, mi
amo e…”.
Con questo approccio dovete essere molto tenaci e prima o poi la
vostra dipendenza non sarà più supportata da emozioni irrisolte
perché pulite tramite l’EFT.
Il secondo approccio è decisivamente più veloce, ma bisogna
chiedersi delle domande per trovare il vero motivo sottostante alla
dipendenza, che come abbiamo detto sopra, è sempre un evento
doloroso. Domande come:
”Quando hai iniziato a fumare, bere,ecc.? Cosa è successo?”
”Se non soddisfi questo bisogno, come ti sentiresti? Perché?”
”Se questo disagio potesse comunicare cosa ti direbbe? Che bisogno
avrebbe?”
Qui è utile anche lavorare sulle paure della ricaduta, su cosa dirà la
gente con il vostro cambiamento, su come vi considerate (una
persona debole, stupida, inutile,ecc.).
www.guarigionenaturale.com 49 © NatAliash
“La profondità delle tue Intenzioni,
la chiarezza dei tuoi scopi,
l’intensità delle tue azioni,
dipendono dagli stati e dall’uso della tua mente.”
La Procedura della Pace Personale (PPP)
Ed ecco che arriviamo alla tecnica che dovrebbe essere il punto di
riferimento principale per il raggiungimento del vostro benessere.
Questo metodo è da anni consigliato proprio da Gary Craig e noi
non possiamo che riproporlo in questa sede. Prendete un foglio che
scrivete sopra TUTTI GLI EVENTI SPECIFICI che vi hanno disturbato
o creato dolore/difficoltà nella vostra vita. Probabilmente noterete
che più scriverete, più avvenimenti e memorie vi verranno in mente
magari anche quelle da tanto tempo sepolte nel magazzino del
subconscio.
Fatto ciò potete iniziare a picchiettarvi ogni giorno su un singolo
evento fino a portarlo a zero, oppure portare questo elenco con voi
dal vostro operatore EFT. Nel caso fate da soli, non scoraggiatevi se
non riuscite a trattare con successo un problema; significa solo che
il vostro subconscio sta bloccando l’accesso perchè non si sente
sufficientemente sicuro a lasciar andare qualcosa che sta in cantina
da così tanti anni. Perseverate, e se comunque non va, passate al
prossimo evento e portate l’evento irrisolto al vostro operatore EFT
che vi darà sicuramente qualche buon spunto.
Il metodo PPP è importante perché ogni evento che porterete a
zero, significherà un albero negativo in meno della foresta del
subconscio che vi influenza la vita spesso in modo pesante e/o
frustrante. Datevi l’amore, la comprensione ed il tempo per
sciogliere i blocchi che avete accumulato una vita intera, e non
preoccupatevi se avete già tanti anni, perché con l’EFT non ne
occorrono altrettanti per liberarvi dal peso del passato, ma molto,
molto meno. ;-)
www.guarigionenaturale.com 50 © NatAliash
Ma qual è il modo per verificare se veramente l’albero negativo è
stato abbattuto?
Solitamente in tre modi:
1. potete serenamente ricordare l’evento senza alcuna intensità
emotiva negativa o addirittura potete ridere dell’evento;
2. non riuscite a pensarci più, come se aveste un vuoto nella testa;
3. sentite un piacevole svuotamento di energie e vi sentite rilassati e
centrati.
E ricordatevi che la maggior parte dei nostri problemi fisici e emotivi
sono creati o sono peggiorati da alberi negativi/eventi specifici
irrisolti, e la maggior parte di essi può essere facilmente trattata con
l’EFT. Abbattete da uno a tre alberi al giorno e dopo tre mesi
potreste già avere dai 90 ai 270 eventi risolti e come premio
un’aumentata pace interiore, autostima, senso e chiarezza nella vita,
più coraggio nelle proprie azioni, meno resistenze interiori e tanto
altro. Fate il primo passo, poi chiedete aiuto e vi sarà dato.
Attenzione:
Esistono individui che hanno poca memoria del passato e cancellano
automaticamente dalla testa quasi tutti i ricordi – anche quelli
positivi e piacevoli. Inoltre hanno molta difficoltà a sentire le
emozioni e/o a riconoscerle. Questi sono i casi più difficili da trattare
con EFT perchè si ha poco materiale su cui lavorare: mancano le
emozioni e i ricordi.
Io ero uno di questi ed ero molto frustrato perchè avevo pochissimi
benefici con l'EFT. Oggi la mia realtà è completamente diversa, ma
ho dovuto integrare EFT con altri sistemi che ho imparato nel
Counselling, in Naturopatia e in tanti altri corsi di crescita personale.
Quindi, se sei uno come sono stato io e senti poco beneficio usando
EFT, ti consiglio di chiamarmi, ne parliamo e poi ti propongo un
percorso personalizzato; però chiedo forte motivazione, dedizione e
volontà di mettersi in discussione perchè il percorso può essere
abbastanza impegnativo.
www.guarigionenaturale.com 51 © NatAliash
Fatelo con i Vostri Figli
Uno dei maggiori doni che potete offrire ai vostri figli o futuri figli è
di insegnar loro l’uso dell’EFT già in giovane età. Provate ad
immaginare il vostro bimbo che torna ogni giorno da scuola e voi la
sera, prima di andar a dormire gli fate raccontare la giornata e voi lo
picchiettate mentre lo fa.
Quante tonnellate di bagaglio emotivo negativo di meno si
porterebbe avanti con gli anni?
Quanta qualità di vita potreste offrire a vostro figlio se fosse libero
dall’inevitabile accumulo di emozioni negative?
Proponetelo come un gioco.
Invece di usare la solita frase di Preparazione, è meglio usare:
”Anche se mi sento ________, sono sempre un bravo bambino.”
”Anche se ho sbagliato perché _______ , sono sempre un bambino
intelligente.”
”Anche se la maestra mi ha sgridata, sono sempre un bravo
bambino.”
Fatelo, fatelo, fatelo. Il miglioramento del nostro futuro inizia dai
singoli nuclei famigliari, che altro non sono che una cellula di una
specie chiamata umanità.
www.guarigionenaturale.com 52 © NatAliash
Precauzioni, limiti e difficoltà
Come già accennato all’inizio del libro, vi sono alcune situazioni in
cui EFT non è consigliabile o non può funzionare. Per correttezza li
ripeteremo a beneficio di tutti coloro che desiderano usare
correttamente questa tecnica. Abbiamo detto che EFT non può
funzionare nei casi una persona utilizzi le proprie difficoltà come
salvagente in presenza di eventuali altre e più dolorose condizioni.
Ed è bene non usarla impropriamente in presenza di patologie che
necessitano della presenza di personale specializzato. In ogni caso
comunque è sempre utile, auspicabile e più che consigliato lavorare
in pendant con il proprio medico, soprattutto nei casi di malattie
serie. Il tutto non perché questa sia una tecnica inefficace, ma
perché è ancora molto giovane (ha solo 10-15 anni di
sperimentazione) e moltissime sono ancora le sue potenzialità da
scoprire, per cui è interessantissimo e utile per tutti farlo insieme ai
professionisti della salute, affinché possano usarla anche su altri casi
con la massima utilità.
Vi capiterà anche ogni tanto di inciampare e di non sapere più come
procedere, magari chiedendovi:
“Perché non funziona più?”
“Perché non riesco ad eliminare il mio problema?
”Perché per tutti gli altri funziona tranne che per me?”
Come in ogni disciplina anche in questa ci vuole pratica, studio e
tanta, tanta pratica. Finora EFT può risolvere oltre il 95% di casi
problematici, anche quelli molto gravi, ma dipende anche
dall’esperienza e della bravura dell’operatore EFT e dalla costanza
della persona trattata (la costanza nell’EFT ripaga spesso 1000 volte
tanto!!).
Oltre a ciò va ancora detto che, sarebbe utile tenere un diario delle
circostanze e delle modalità per cui l’avete usata, in modo da
rivedere ed eventualmente riapplicare o correggerne alcuni aspetti
con il passare del tempo. Vi ricordo che in moltissime occasioni,
Gary si è lasciato guidare anche dall’intuito e questo lo ha portato
www.guarigionenaturale.com 53 © NatAliash
molto più lontano dalla tecnica pura e semplice, proprio perché
moltissimi sono gli aspetti ancora da scoprire.
Vi inviterei anche a comunicarmi le vostre eventuali varie scoperte in
merito.
Prima di applicare qualsiasi aspetto di EFT sarebbe ancora buona
cosa togliere di mezzo orologi, metalli vari, telefonini e quant’altro
per evitare interferenze di qualsiasi tipo ed invece bere una buona
quantità d’acqua, che come tutti ben sanno è una buona conduttrice
elettrica.
E non è finita qua. I perfezionisti potranno usare anche la tecnica
della mio-resistenza da applicare quando si vuole verificare
l’esattezza e l’incongruenza del volere del conscio e del subconscio.
Ecco come si esegue: trovatevi un amico che vi aiuti a sentire la
resistenza inconscia delle vostre affermazioni; stendete un braccio,
dichiarate il vostro nome e cognome e fate sentire al vostro aiutante
quanto resistente è il vostro braccio, poi, dopo un paio di secondi
stendete nuovamente il braccio e formulate ad alta voce il vostro
desiderio di cambiamento, esempio: voglio eliminare l’ansia che mi
attanaglia lo stomaco; sempre tenendo il braccio teso, chiede al
vostro collaboratore di premere nuovamente con la mano sul vostro
braccio. Se la controspinta è più debole della precedente, significa
che il vostro subconscio non è affatto in sintonia con la vostra
razionale dichiarazione e vi remerà contro fintanto che non avrete
allineato le rispettive volontà.
E qui potrebbero cominciare le difficoltà sulla ricerca del fattore che
disturba l’allineamento, perché molte possono essere le cause di
interferenza: una parte di queste possono trovarsi in cibi o sostanze
che abbiamo addosso o dentro di noi e per individuare il fattore di
interferenza dovremmo cominciare ad escluderne uno alla volta,
fino a trovare quella che mi permette la coerenza di ciò che voglio
razionalmente con ciò che mi frulla al piano di sotto. Potrete anche
obiettare che è molto strano che una sostanza possa fare da
elemento disturbatore per una inversione di polarità, eppure si è
constatato che in questa nuova tecnica le cose funzionano proprio
così. Un elemento apparentemente innocuo, può impedire il
funzionamento dell’intero sistema. Tolto l’intruso, la tecnica funziona
al 100%.
In certi casi, rari a dire il vero, la sostanza incriminata era addirittura
un prodotto per l’igiene o un profumo. Allora, direte voi, può
www.guarigionenaturale.com 54 © NatAliash
diventare molto difficile scovare il colpevole. Ebbene molto meno di
quanto si possa credere, perché fortunatamente, con la pratica
entra in gioco l’intuito e scoprire le carte diventa quasi divertente.
Bisogna ricordarsi di prendere tutto come se si trattasse di un gioco.
Solo in questo modo si possono facilitare le cose e si possono
ottenere risultati strabilianti. Se, al contrario, prendiamo le cose
troppo sul serio, la razionalità, che non è affatto portata per capire
ciò che esce dalla sua portata di comprensione, ci metterà non pochi
bastoni fra le ruote. Occorre mollare l’attaccamento a tutto quello
che ci hanno insegnato fino ad ora, e concederci l’esplorazione di un
altro campo, dove le regole non sono quelle che conosciamo, ma
altre, che un giorno forse, capiremo meglio.
E qui non possiamo non spendere due parole per parlare dei
condizionamenti e degli attaccamenti.
Se vogliamo uscire dal gregge del pre-costituito, del pre-impostato e
del pre-concetto dobbiamo per forza di cose pensare con la nostra
testa, allargare le nostre meningi e rischiare di scoprire delle
stupidaggini megagalattiche. Ma al contempo, rischiamo anche di
trovare nuovi tesori, regole e tecniche di guarigione diverse, sentieri
poco battuti che ci portano in alto, dove osano le aquile. Il tempo e
il rischio speso, valgono bene il prezzo dell’autonomia e della libertà
che si può ricavare in cambio.
Vi ricordo che noi e tutto ciò che ci circonda è immerso in un campo
magnetico, di cui conosciamo davvero molto poco per permetterci il
grande lusso di rimanere abbarbicati a conoscenze e certezze che
sono già vecchie e sorpassate cinque minuti dopo che abbiamo finito
di studiarle e comprenderle. Tanto vale essere sempre aperti alla
grande meraviglia del creato e alle sue innumerevoli opportunità.
www.guarigionenaturale.com 55 © NatAliash
Casi di Successo
CASO N°1
12 anni di quasi costante emicrania risolti dopo aver trovato
il problema emozionale centrale
di Christine Cloutier – operatore EFT Avanzato
Circa 12 anni fa mi è successo un episodio in cui ho visto
improvvisamente come delle luci lampeggiare di fronte ai miei occhi.
Ero in un negozio con i miei bambini e mi sentivo veramente in
preda ad uno spiacevolissimo senso di nausea Ho dovuto sedermi
per la paura di svenire. Ho detto ai miei figli che dovevamo subito
tornare a casa.
Appena arrivata a casa ho vomitato e poi sono finita a letto per le
seguenti 3 settimane. Quando cercavo di alzarmi, sentivo una
tremenda fitta in cima alla testa. Non volevo andare al pronto
soccorso perché era il 24 dicembre e gli ospedali veramente non mi
sono mai piaciuti. Non potevo alzarmi quindi dovevo strisciare per
terra per arrivare al bagno. Dopo tre giorni, ero in grado di alzarmi
solo per circa 15 minuti senza provare l’atroce dolore. Dovevo
scegliere tra mangiare con la famiglia o farmi una doccia.
Mi sono fatta curare dal mio chiropratico per circa una settimana. …
Ricordo di aver sentito un dolore in mezzo alla schiena prima di aver
visto la sequenza dei flash; ho dedotto che probabilmente era un
problema di schiena. Il chiropratico mi aggiustava la schiena, ma
non riuscivamo a togliere il mal di testa.
Così, mi fu suggerito di consultare il mio medico perchè lui non
riusciva a vedere nulla di insolito nella schiena che potesse
causarmi un tale dolore.
Nel frattempo prendevo pillole ogni 2 ore alternandole con ibuprofen
200 mg e gravol 50 mg. Non era una buona soluzione, ma era
www.guarigionenaturale.com 56 © NatAliash
l’unico modo che avevo a disposizione in quel momento per potermi
alzare e fare qualcosa.
Ero in costante sofferenza. Sono andata dal dottore che mi ha
consigliato di farmi vedere da un neurologo. Entrambi sospettavano
che avessi un aneurisma. Lo specialista, nella sua saggezza, mi disse
che forse era tutto nella mia testa! Ipotizzò che forse avevo un
virus e che eventualmente col tempo se ne sarebbe andato
Per i prossimi 2 anni avevo mal di testa ogni giorno, tutti i giorni.
Non usavo il gravol, ma l’ibuprofen controllava il mio dolore quel
poco per poter fare le cose di ogni giorno. Dopo i primi due anni i
mali di testa iniziavano a diminuire e rimanevano soprattutto alla
mattina.
Per i seguenti 10 anni mi sono abituata a svegliarmi con l’emicrania
ogni mattina. L’intensità variava da un 2 ad un 8 in una scala da 0 a
10. Quando l’intensità era bassa non prendevo la medicina sperando
che il dolore si esaurisse da sé (purtroppo questo non succedeva
spesso). Contro le emicranie forti dovevo prendere l’ ibuprofen, a
volte anche 3 o 4 volte al giorno.
Da quando ho iniziato con l’EFT non prendo più medicine per il mal
di testa. Le fitte si facevano sentire una o due volte alla settimana e
le eliminavo con il picchiettamento. L’intensità era solitamente fra il
2 e il 5, e appena lo beccavo picchiettavo: ”Anche se ho questo mal
di testa…”
Un effetto secondario del mio picchiettamento è che le allergie non
mi disturbano più. Sono completamente sparite. Ogni inverno mi
alzavo col naso intasato e ovviamente col mal di testa. Durante il
giorno avevo anche difficoltà respiratorie e dovevo assumere
medicine, ma ora non più.
Gary mi suggeriva che se avevo ancora i mali di testa, questi,
avrebbero potuto essere collegati ad una carica emotiva. Avevo
scoperto così tanti tipi di emicranie negli ultimi anni, che soltanto
essendo libera da medicine era una cosa meravigliosa per me, ma
non avevo mai pensato che ci fosse un aspetto emozionale al
dolore.
www.guarigionenaturale.com 57 © NatAliash
Mentre scrivevo questo articolo, ho dovuto risalire a quando tutto
ebbe inizio. Era nel periodo di grandi turbamenti emozionali nel mio
matrimonio. In quel periodo sapevo che diversi aspetti potevano
essere collegati al mal di tesa e se avessi lasciato mio marito, con
ogni probabilità il dolore se ne sarebbe andato. Quando lo lasciai, il
giorno seguente ero senza emicrania. Non è durato molto, però mi
sentivo molto bene. Ero un po’ frustrata perché ho pensato che
tutto andrà bene se mi fossi allontanata dalla pressione che sentivo
in quei tempi.
Non ha importanza quanto lontano vai perché le emozioni sono
dentro di te – non c’è scampo. Quindi ho picchiettato un po’ questo
evento del passato e tutte le emozioni che pensavo fossero guarite
e risolte sono tornate a galla.
“Anche se ho lasciato mio marito, mi amo e mi accetto
completamente e profondamente.”
“Anche se mi sento così in colpa, mi…”
“Anche se odio il fatto che l’ho ferito, mi….”
“Anche se ho avuto una reazione così immatura….”
“Mi dispiace per aver messo la famiglia in una prova così ardua. Ho
bisogno di perdonarmi per questo. Anzi, mi perdono adesso per
questo. Ho fatto quello che ho meglio saputo fare il quel momento
della vita. Alla fine comunque tutto è finito bene.
Ho picchiettato su tutti i punti mentre mi parlavo. Ho sentito tanta
energia, ho sbadigliato molto e ho versato tante lacrime. Questa
sessione mi ha scoperto tante emozioni nascoste. Solitamente non
sono un tipo facilmente emozionabile. E poi ho toccato la radice del
problema – non ho ancora finito.
“Anche se ho difficoltà a perdonarmi, ora ho sofferto abbastanza, ho
giocato la martire per lungo tempo ma ora basta…. Non ho più
bisogno di portare a spasso questo vecchio amico dentro di me…mi
perdono.”
www.guarigionenaturale.com 58 © NatAliash
“Anche se ho ancora un po’ di difficoltà a perdonarmi, e lo trovo
così difficile…. so che mio marito mi ha perdonato. Siamo
nuovamente insieme e tutto va a meraviglia fra noi. Ho sofferto
abbastanza…voglio indietro la mia testa. Mi amo e mi accetto
completamente e profondamente e mi perdono totalmente.”
Ho picchiettato su diversi punti mentre dicevo voglio indietro la mia
testa. Sorridevo quando lavoravo su questa parte.
E’ da 24 giorni che non ho avuto più un minimo di mal di tesa.
Questo è un significativo contrasto se paragonato al fatto di averlo
avuto ogni giorno.
CASO N°2
Guarire un cuore infranto
Di Connie Kvilhaug – operatore EFT Avanzato
La scorsa estate ero in mezzo ad un incontro di lavoro quando
ricevetti una chiamata da mia figlia che vive fuori stato. Piangeva,
parlava del suo ragazzo che l’aveva appena lasciata, e di quanto le
faceva male, ecc. Gentilmente le dissi che ero nel mezzo di una
riunione , cercando comunque di calmarla e assicurandola che
l’avrei chiamata più tardi.
L’ho chiamata appena la riunione è finita. Poichè abbiamo una tipica
relazione da madre-figlia in cui, se io esprimo qualcosa che penso
possa essere d’aiuto, lei si arrabbia, ho dovuto stare molto attenta
alle mie parole. Niente riusciva a calmarla.
Finalmente, dopo aver esaurito tutte le mie risorse di saggezza e
non aver ottenuto niente, ho deciso di suggerirle il picchiettamento.
Non pensavo che avesse accettato, ma era stremata dal dolore. Le
era ormai famigliare l’EFT e anche se non credeva che potesse
aiutarla, era disposta a provare qualsiasi cosa perché il suo cuore le
faceva tanto male.
www.guarigionenaturale.com 59 © NatAliash
Quindi, per telefono ho iniziato a guidarla con frasi che avrebbero
potuto aiutarla a sciogliere il nodo emozionale:
“Anche se il mio cuore fa male e il mio ragazzo era così cattivo…”
“Anche se penso che non mi piacerà mai nessun altro ragazzo tanto
quanto questo…”
“Anche se la vita fa schifo e odio quanto questo fa male…”
Abbiamo fatto diversi giri usando qualsiasi parola o frase che mia
figlia avesse pronunciato. Abbiamo anche fatto un giro di perdono
che era del tipo: “Anche se ______ mi ha ferito così profondamente
e si era comportato come un completo idiota, lo perdono perché sta
facendo il meglio che sa fare…
Ho fatto prendere a mia figlia 3 respiri profondi dopo tanti giri e poi
abbiamo eseguito qualche altro giro, prendendo le cose da altri
punti di vista. Dopo circa mezz’ora era calma, non piangeva più,
inspirava profondamente e sbadigliava ogni tanto (segno di rilascio
emotivo). Mi diceva di sentirsi meglio, ma si sentiva sfinita. Le ho
consigliato di bersi un paio di grandi bicchieri d’acqua, di rilassarsi e
di andare a dormire.
Il giorno dopo mi ha chiamato dicendo di sentirsi benissimo. Si è
alzata con più energia di quanta ne aveva da lungo tempo. Ė andata
in piscina a nuotare, si è coccolata con u buon pranzo in un posto
che le affascinava da tempo e ha chiamato un paio d amici per
uscire insieme a loro.
Era allibita dal fatto che il dolore di ieri era completamento svanito.
Credeva che sarebbe stata male e svogliata per settimane e mesi,
invece il giorno dopo si sentiva rigenerata. Mi diceva che le
dispiaceva per la situazione con il suo ragazzo, ma che la cosa non
la faceva più soffrire. Quei profondi sentimenti sono spariti ed era
già entusiasta dell’idea di incontrare e conoscere persone nuove nel
futuro.
www.guarigionenaturale.com 60 © NatAliash
Mia figlia, che non sempre apprezza le cose che faccio, mi ha
letteralmente ringraziato una dozzina di volte durante quella
telefonata. Ha addirittura chiamato una seconda volta quel giorno
solo per ringraziarmi per quella sessione di EFT e per dirmi quanto
bene si sentiva. E questa bella sensazione è duratura (ancora
adesso dopo 6 mesi) – questo è quello che la stupisce di più.
Continua a sentirsi viva e quei sentimenti dolorosi non sono mai più
tornati.
CASO N°3
Sembrava una fobia dell’autobus
Di Inci Erkin, medico
Una giovane donna sposata si presenta lamentandosi di una fobia
dell’autobus. Non riusciva a salirci però poteva muoversi con la
macchina e con il taxi.
Prima ho provato con EFT il seguente:
“Anche se non posso salire sull’autobus…”
Però non funzionava!
Quindi le ho chiesto di chiudere gli occhi e di immaginare un film
dove lei entra nel bus, si siede e l’autobus parte. Poi le ho chiesto
come si sentiva.
Mi ha risposto che in questo film immaginario aveva paura perché
aveva un urgente bisogno di fare pipì, ma non riusciva a scendere
dall’autobus, quindi si bagna la gonna ed è molto imbarazzata!
Quindi la Preparazione era:
“Anche se ho paura di non riuscire a controllare il mio bisogno di
fare pipì…
“Anche se ho paura che dovrò fare pipì sull’autobus….”
www.guarigionenaturale.com 61 © NatAliash
Mentre lavoravamo con EFT e diminuivamo l’intensità da 10 a 9, 7,
6…improvissamente si è ricordata di una scena dell’infanzia. All’età
di 5 anni era al cinema con i genitori e durante la visone del film le è
scappata la pipì. Quando si sono accese le luci era molto
imbarazzata finchè non sono tornati a casa con l’autobus. Ogni
membro famigliare la prendeva in giro e questo era durato per
molto tempo.
Poi abbiamo continuato con:
“Anche se mi sono fatta la pipì addosso al cinema quando avevo 5
anni…”
“Anche se mi sono fatta la pipì addosso al cinema e tutti mi
ridevano nell’autobus…”
In due sessioni abbiamo completato il lavoro. Adesso si picchietta da
sola ogni mattina e non ha più paura di viaggiare con l’autobus.
Ė molto felice perché può salvare tutto il denaro che spendeva con i
taxi.
www.guarigionenaturale.com 62 © NatAliash
Ignoranza oggi equivale ad esclusione
A questo punto avrete capito che le tecniche descritte in questo
manuale non appartengono al solo campo delle discipline di
autoguarigione, ma tengono in considerazione anche l’opportunità,
per chi le mette in pratica, di aprire altri canali di intuizione, di
pescaggio, di esplorazione e di inserimento in altri campi, poco
tradizionali, ma molto molto incalzanti ed attuali. In altre parole, vi
stiamo mettendo una pulce nell’orecchio affinché dia una
scampanellata anche a quei pochi che ancora sono appisolati su
queste pagine.
Stiamo parlando di un nuovo tempo, di una nuova era, dove si
stanno aprendo mille petali su fiori della conoscenza, negati a tante
anime che ci hanno preceduto nell’esperienza di vita su questo
pianeta. Cercare di fermare questo incalzare di nuove conoscenze
sarebbe come tentare di sistemare le sedie a sdraio sul ponte del
Titanic che sta affondando: ovverosia uno spreco di tempo e di
energia. Molto meglio abbandonare tutte le costruzioni di
incartapecorite certezze, ed aprirsi alle scialuppe di salvataggio, che
la Vita, generosamente ci offre con tutti i mezzi a disposizione.
A questo proposito vi invito a riflettere sull’enorme accesso alla
conoscenza mondiale che sia i media, sia internet offrono anche al
più buzzurro individuo sperduto sui monti. Non c’è più alcuna elite
che può avere accesso esclusivo a tutto ciò che avviene in tempo
reale nel mondo. Tutti possono accedere a tutto, se lo vogliono, e la
maggior parte di queste informazioni è disponibile pressoché
gratuitamente. Dunque, provate, indagate, interrogate, confrontate,
sperimentate….siete voi i protagonisti della vostra vita. Non
lasciatevi manipolare, ma non chiudete neppure la porta alle
possibilità di nuovi aspetti di esperienza che vi possono solo
migliorare la vita.
Detto questo, vorrei ancora parlarvi di un fattore che ci sta molto a
cuore. Vedete, essere aperti è solo il primo passo verso un possibile
benessere interiore, il secondo è l’emissione della sostanza che
facciamo passare per questa nostra apertura, e che ci piaccia o no,
www.guarigionenaturale.com 63 © NatAliash
essa, prima di uscire, investe completamente noi stessi. Di
conseguenza se emaniamo essenza di fiori o di fogna potrebbe non
essere proprio la stessa cosa.
Tanto vale, scegliere intelligentemente, non può che portarci verso
una sola delle due chance.
Come si fa?
Semplicemente scegliendo di non appestare anche noi stessi con
atteggiamenti, parole, azioni, pensieri, idee, sogni, progetti,
ecc….che a lungo andare potrebbero avvelenarci l’esistenza. In
questo modo l’uso di EFT potrebbe venir impiegato solo su una
parte minore di schifezze, anziché su mucchi e mucchi di incrostate
difficoltà. Così eccovi un ulteriore suggerimento: lavoriamo pure
sulle problematiche di vecchia data, ma cerchiamo di non rincarare
la dose con accumuli ininterrotti, perché altrimenti non finiremo più
di fare una soddisfacente pulizia.
Sappiamo bene che la manutenzione della nostra anima non sarà
mai completata definitivamente, ma perlomeno dovremmo cercare
di proseguire avanti più leggeri. Come?
Prima di tutto prendendo consapevolezza che ciò che ci sta
succedendo è il meglio che possiamo sperimentare in questo preciso
istante, anche quando vorremmo farne volentieri a meno. Oggi noi
siamo la risultante della conoscenza, delle scelte e dei mezzi che
avevamo a disposizione fino a ieri e quello che scegliamo di usare
oggi, ce lo ritroveremo ad aspettarci domani. Tanto vale scegliere
consapevolmente perlomeno di prepararci un futuro migliore di
quello che ci siamo costruiti inconsapevolmente fino a ieri.
Ingredienti essenziali?
Pochi.
Presenza, disponibilità, astensione dal giudizio e costanza. Punto.
Questa è la base di ingredienti da usare verso noi stessi e verso gli
altri, cose, animali, piante e persone. Tutto il resto è un optional.
Pensate sia facile?
Provate ad imporvi solo una giornata alla settimana di questo
suggerimento e vedrete che non è poi così semplice. Ma se
riuscirete ad aggiungere progressivamente un paio d’ore alla volta,
vedrete cosa potete raccogliere. Non crederete ai vostri occhi.
www.guarigionenaturale.com 64 © NatAliash
Presenza, disponibilità, astensione dal giudizio e costanza sono
l’anticamera dell’amore, di quella potenza così forte che a volte fa
paura, sia da dare che da ricevere, ma che in assoluto può compiere
qualsiasi miracolo, perché ne è l’essenza stessa. L’amore è
disponibilità, gentilezza e tolleranza disinteressata e può arrivare
dove a nessun altro elemento della creazione è mai stato concesso.
Quindi, prima regola per acquisire, mantenere ed eventualmente
modificare il nostro benessere (in meglio ovviamente) è essere furbi.
O forse sarebbe meglio dire peccato essere stupidi, e darsi con la
zappa per i piedi, una volta acquisite le istruzioni che garantiscono i
risultati.
Inoltre vale la pena ricordarsi che viviamo in un ambiente di
contagiosità dove in definitiva molto procede per imitazione, e se
una gran parte del nostro tempo è spesa per dare generosamente
gli elementi che abbiamo descritto poc’anzi, potremmo contare su
un ritorno a specchio molto similare a beneficio di tutti.
Più avanti si potrà addirittura trovare piacevole l’invio gratuito di
amore ad ogni creatura, alla terra, al cielo, dovunque…scoprendo
che la risorsa è inesauribile e sempre allegramente disponibile. Per il
momento limitiamoci a fare un passetto per volta cercando di
padroneggiare una forza che ci darà sempre più soddisfazione anche
nei momenti di minor disponibilità da parte nostra.
Abbiamo dunque visto assieme che qualsiasi disarmonia emotiva
può venir risolta da un giusto atteggiamento prima e da una
potentissima tecnica poi, fino al punto che saremo pervasi da una
smania di essere utili a noi stessi e agli altri, così forte, da non poter
fare a meno di offrire il nostro contributo in questo senso.
Piano piano gli squilibri si ripeteranno sempre meno spesso e noi
potremo veramente ingrossare le fila di quelli che hanno fatto del
servizio all’umanità lo scopo della loro vita.
E badate bene che non occorre essere Madre Teresa di Calcutta per
portare pace, nutrimento e affetto al nostro prossimo. Talvolta i più
insospettati bisognosi di amore dormono nel nostro letto o
mangiano alla nostra mensa. Non confondiamo le sofferenze del
Biafra con l’unica esclusiva categoria di gente che ha bisogno di
www.guarigionenaturale.com 65 © NatAliash
aiuto perché la sofferenza può vestire indifferentemente l’abito
pret-a-porter come un peplo sbiadito e logoro del sud Africa.
Per portare la libertà dove manca, dobbiamo prima di tutto
saperla portare dentro di noi, altrimenti ci saranno sempre
dei prigionieri anche a casa nostra.
Ricordiamoci che è nostro preciso compito frequentare
coscientemente la palestra e la scuola della vita, perché esperienza,
apprendimento ed evoluzione vanno di pari passo con la formazione
che siamo venuti ad acquisire su questo pianeta. Metaforicamente, a
scuola si impara la teoria, in palestra (nel quotidiano) ci si allena a
mettere in pratica quanto abbiamo imparato e dopo aver fatto i
compiti possiamo goderci la festa (ovvero la goduria di belle
relazioni, di autostima, di soddisfazione di vedere i propri figli
crescere responsabili e felici). Altrimenti niente compiti, niente festa.
Portiamo avanti dunque questa bella scoperta di EFT che ci siamo
ritrovati fra le mani e consideriamola veramente per quello che è: un
dono del cielo consegnato proprio a domicilio. E poiché di solito il
cielo vede un po’ più in là di noi, da qualche parte ci deve pure
essere un motivo che ha a che fare con questa consegna.
Pensiamoci.
www.guarigionenaturale.com 66 © NatAliash
CONCLUSIONI
Da più parti ci dicono che siamo alla vigilia del cambiamento più
significativo della storia. A noi basterebbe sapere che ciascuno
possa trovarsi al centro del più incredibile cambiamento della storia
della propria vita. La sofferenza alimentata dall’ignoranza,
dall’ingenuità, dalla furbizia dei manipolatori, da classi politiche e
famiglie ipocrite, deve avere i giorni contati. La carenza di
informazioni, di vera conoscenza, di costruttiva e saggia cultura ha
già fatto danni micidiali e portato verso la disperazione tante anime
che avrebbero potuto salvarsi se solo si fossero evitati bagni di
ipocrisia, raggiri, manipolazioni e stupidità.
Chiunque di noi che ha ricevuto dal cielo anche un solo piccolo
dono, grande come una spiga di grano, può se lo desidera,
seminare oggi quello che ha ricevuto e forse, nutrire domani un
numero incalcolabile di esseri. Ma occorre farlo subito, perché se
non ci aiutiamo a vicenda, rischiamo di perdere ogni giorno
qualcuno. Mi riferisco soprattutto ai giovani, agli adolescenti, che
smaniosi di stravivere, in realtà strapazzano dentro a fumose
confusioni e assordanti cacofonie che chiamano musica. E mi
vengono in mente anche quelle migliaia di poveri disgraziati che
affogano il dolore dentro la compagnia di una bottiglia e chi ancora
con una burrasca in corpo non sa più a che santo votarsi nel
tentativo di acquietare anche solo per un poco tutta l’ansia che li
divora.
Mi vengono in mente le persone che si rigirano fra le pieghe di una
depressione senza più colore, né aspettative, né speranze…e mi
chiedo, se qualcosa avrebbe potuto andare diversamente, se un
giorno avessero avuto una mezza indicazione in più, uno straccio di
sincero, disinteressato e accogliente affetto…..e ancora se mai,
qualcosa di simile potesse accadere anche a noi o a coloro che
amiamo.
www.guarigionenaturale.com 67 © NatAliash
Personalmente credo che non siamo affatto immuni da rischi simili e
allucinogeni, e che la linea di demarcazione fra la normalità e la
follia sia davvero molto molto sottile. La medicina del corpo e
dell’anima ha ancora bisogno di tanto aiuto e questo può venir da
qualunque parte. Da chiunque e in qualunque momento. Mettiamo
da parte le lagne, gli sprechi di tempo e di intelligenza e proviamo a
varcare la soglia di tutte le conoscenze che ci vengono offerte.
Anche perché niente succede a caso.
Apriamoci all’amore per la conoscenza e sperimentiamo senza
pregiudizi ogni cosa che la vita ci offre. Avremo sempre tempo di
scartare quello che non fa per noi.
E non dimentichiamoci che in ogni parte del mondo, proprio in
questo preciso istante, ci sono migliaia di persone che stanno
facendo del loro meglio, per cambiare vecchi schemi di pensiero e di
cultura, nel tentativo di migliorare la vita di questo pianeta e di tutti
i suoi abitanti. Non credere che occorra essere Diopadreterno per
cambiare la terra: la goccia corrode la roccia e anche tu se lo
desideri, puoi scegliere di portare il tuo sorriso, la tua gentilezza e la
tua disponibilità in giro per il mondo.
Come vedi, le tecniche come EFT sono solo l’inizio di una nuova era
che rivedrà e completerà le proprie conoscenze sull’uomo e sul suo
complesso sistema di relazioni. Prova, ne vale la pena. Vale la pena
poter contare su una semplice e gratuita tecnica come l’EFT per
sciogliere ogni rabbia, tristezza o paura che abbiamo vissuto o
subito durante il giorno per andare a dormire “puliti” e alleggeriti.
Pensate alla grandezza di questo dono.
Ti auguro di trovare fra le pagine della vita, il coraggio, la volontà e
l’ispirazione per espandere la tua gioia ed aprire tutte quelle ali
rattrappite che aspettano una mano per ricominciare a volare.
Feel Free Now!
www.guarigionenaturale.com 68 © NatAliash
Per sessioni private o di gruppo telefonatemi al 333 1148364.
Sono specializzato in:
 dipendenze da fumo
 problemi di peso, obesità
 abusi e eventi molto traumatici
www.guarigionenaturale.com
www.guarigionenaturale.com 69 © NatAliash













Ricerca Scientifica

La Ricerca Scientifica nel campo della Psicologia Energetica di cui fa parte anche l’EFT
-
Recentemente sono stati presi in esame nel Sud America circa 5,000 individui da 11 diversi centri di terapia per disordini comportamentali ed emotivi che sono stati trattati anche con terapie energetiche.
Lo psichiatra David Feinstein prende in esame i risultati e mette insieme un fascicolo con esiti e commenti scientifici